asud'europa
Settimanale di politica, cultura ed economia

Cerca fra i titoli Frase esatta

Generazione tradita
Anno 5 N.4 - 7 febbraio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Giusy Ciavirella, Dario Cirrincione, Antonio Di Giovanni, Salvo Gemmellaro, Franco La Magna, Diego Lana, Giuseppe Lanza, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Brunella Lottero, Davide Mancuso, Giuseppe Martorana, Salvatore Montaperto, Filippo Passantino, Alessandro Rosina, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Roberta Sichera, Maria Tuzzo, Giorgio Vaiana, Pietro Vento.

  • “Gelminate” contro il Sud;
  • Sicilia, isola triste per l’occupazione. Disoccupazione giovanile ai massimi storici;
  • Riforma Gelmini e ricaduta sulla Sicilia. Forum di esperti al centro Pio La Torre;
  • Poca qualità nella ricerca e nella didattica. L’Università di Palermo perde 10 milioni;
  • Ripresa lenta in Italia, l’occupazione ferma. L’allarme di Bankitalia: penalizzati i giovani;
  • Giovani d’oggi, in tasca una laurea. In testa il miraggio di un posto fisso;
  • Giovani in rivolta da Milano a Tunisi;
  • Lavori socialmente utili;
  • Un impegno comune per i giovani arabi ed europei;
  • Contraffazione, giro d’affari da 7 miliardi. Un danno anche per l’occupazione;
  • Report Sicilia: pochi e timidi segnali di ripresa. Nel 2011 Pil in crescita, occupazione in calo;
  • Scarpinato: grazie agli imprenditori si è rotto un blocco di potere;
  • Omicidio Rostagno, giovani in corteo. La figlia: dopo 22 anni la verità è vicina;
  • Libertà e coscienza, a scuola di legalità nel liceo “Odierna” di Palma di Montechiaro;
  • Sanità, salasso 118 per la Regione. Costa caro il passaggio alla Sues;
  • A proposito di bilanci pubblici;
  • In morte di Franco Padrut;
  • Da Palermo spedizione missionaria in Congo per combattere l’estinzione del popolo Pigmeo;
  • Gopnik, tributo d’amore per la Grande Mela. Rivive la grande tradizione del New Yorker;
  • Un libro, un manifesto, due proposte convergenti per battere la mafia globalizzata;
  • “Espacio para la memoria”. L’Argentina recupera i centri di detenzione;
  • Documè è morto, viva Documè;
  • Una legge per salvare e regolamentare le sale cinematografiche siciliane;


Caccia all’oro rosso
Anno 5 N.3 - 31 gennaio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Riccardo Bonacina, Michele Figurelli, Antonella Filippi, Franco Garufi, Salvo Gemmellaro, Daniele Grasselli, Franco La Magna, Pino Lanza, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Gianni Marotta, Gabriello Montemagno, Filippo Passantino, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Roberta Sichera, Alberto Spampinato, Marina Turco, Maria Tuzzo, Pietro Vento, Ino Vizzini.

  • A 25 anni dalla fondazione del Centro Pio La Torre;
  • Cimiteri, linee telefoniche, ospedali. I cacciatori di rame colpiscono ovunque;
  • Palermo, presentata la relazione di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo rifiuti;
  • Partito Democratico siciliano, storia di una transizione infinita;
  • Giustizia, sfascio non giustifica la resa ai boss. Palermo, Catania, Messina, tribunali al collasso;
  • Quello che sappiamo di Fabbrica Italia;
  • Totò, delitto e castigo;
  • La crisi in Sicilia e le mire dei boss;
  • Lettera dell’Osservatorio per la democrazia all’Assessore regionale Massimo Russo;
  • “Il ricordo dell’orrore nazista non muoia”. L’appello dell’ultimo siciliano sopravvissuto;
  • Riusciranno i nostri morti a riposare in pace?;
  • Battesimo di lacrime e champagne. Così il Pds nacque a Palermo;
  • In ricordo di Franco Padrut;
  • Gli strani cattolici del Bunga-Bunga;
  • Ragusa, record di ore di cassa integrazione. È la seconda provincia d’Italia dopo Ferrara;
  • Diritti umani, il lento declino dell’Italia: razzismo e xenofobia dilagano nel Paese;
  • La Chiesa e il suo rapporto con l’antimafia. Terza conferenza del Progetto educativo;
  • “Gli ultimi padrini di Cosa Nostra”: così la mafia comanda cambiando pelle;
  • “In viaggio annoto i pensieri per non perderli”. Dacia Maraini, un’anima con la valigia pronta;
  • L'esordio della catanese Viola Di Grado. In libreria “Settanta acrilico trenta lana”;
  • Editing e marketing editoriale. Dalla Navarra editore un corso on line;
  • L’apocalisse esorcizzata da ironia ed ecologia. Paasilinna, villaggio rurale e fede nell’uomo;
  • I mille volti di Corrado Guzzanti. “I miei personaggi specchio dell’Italia”;
  • Con la Bibbia fuori dal tempio ma dentro la storia;
  • Qualunquemente …tragicomico. Tamara e i tradimenti;


Giochi pericolosi
Anno 5 N.2 - 24 gennaio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Giusy Ciavirella, Dario Carnevale, Dario Cirrincione, Claudio Fava, Salvo Gemmellaro, Zaki Laidi, Francesco La Licata, Franco La Magna, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Giuseppe Martorana, Filippo Passantino, Attilio Scaglione, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Maria Tuzzo.

  • La finta antimafia del Cavaliere;
  • Giochi, licenza anche per chi opera dall’estero. Disegno di legge della Commissione antimafia;
  • Tra palline incastrate e gratta e vinci irregolari. Anche la Dea Bendata a volte fa confusione;
  • Più debiti e gioco: panico da portafoglio vuoto. Italiani a rischio: dopo l’ansia, la depressione;
  • Il monito di Bankitalia: la crisi non sia scusa per coprire i problemi dell’economia siciliana;
  • Circoli Pd a confronto su referendum e futuro. Ma a Catania resta la fronda contro Lombardo;
  • La Tunisia e la tragedia araba;
  • Incertezza delle imprese siciliane in Tunisia. Gli operatori sperano in una stabilizzazione;
  • Le aziende chiedono regole certe alla Tunisia ecco i siciliani che lavorano nel Maghreb;
  • Strage di via D’Amelio, nuovo capitolo. In sette verso la revisione del processo;
  • Una sentenza costruita nella legalità;
  • Il monito della vicenda Fiat per l’economia siciliana;
  • Il silenzio dei padri per le notti di Arcore;
  • A Modica il più dolce concorso del mondo. Ciokeimmagini, spot e corti sul cioccolato;
  • Cultura in (s)vendita, la crescita fragile e effimera dell’associazionismo palermitano;
  • Le mirabolanti disavventure di Fidelman. Malamud intreccia arte e umanità dolente;
  • Roberta Torre porta la ciociara a teatro. Donatella Finocchiaro la protagonista;
  • Hereafter, mélo spiritualista del vecchio Clint, Zalone uber alles;
  • Camilleri racconta l’assedio di Akragas e il ruolo di una preziosissima moneta d’oro;


Fuga dal Federalismo
Anno 5 N.1 - 17 gennaio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Massimo Bordignon, Enzo Borruso, Dario Carnevale, Dario Cirrincione, Max Firreri, Franco Garufi, Salvo Gemmellaro, Silvia Iacono, Diego Lana, Luca Landò, Franco La Magna, Antonio La Spina, Salvatore Lo Iacono, Giuseppe Lanza, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Mariella Maggio, Davide Mancuso, Patricia Mayorga, Filippo Passantino, Pasquale Petyx, Valerio Rosa, Francesca Scaglione,
Gilda Sciortino, Maria Tuzzo, Alberto Zanardi.

  • Trappole federaliste;
  • Dal nuovo federalismo stangata per il Sud. L’Aquila e Napoli i comuni più penalizzati;
  • È ancora lunga la strada dell’Italia federale;
  • La Sicilia non è pronta al federalismo;
  • Comuni in ansia per le novità fiscali. A rischio 2,5 miliardi nei prossimi due anni;
  • Numeri in libertà sul federalismo;
  • Più ricchi al Nord e più poveri a Sud. Foto di gruppo di un Paese diviso;
  • Idee imprenditoriali e studi di fattibilità riducono la cessazione delle imprese;
  • Prezzi non remunerativi, costi e redditi tagliati. Report Cia: imprese agricole al collasso;
  • Giovane, laureato e del centro-nord. L'Identikit del nuovo emigrante italiano;
  • La rivolta dei giovani contro i vecchi;
  • Anno nuovo, grane vecchie per il Pd Sicilia. Divisione interna sul sostegno a Lombardo;
  • Pippo Fava, giornalista senza compromessi;
  • Lo sviluppo della Sicilia passa dalle confische. La ricetta del professor Salvatore Constantino;
  • La Scuola crolla;
  • Mirafiori, i lavoratori Fiat approvano l’accordo. La Fiom: “adesso si riapra una trattativa vera”;
  • Poveri e impoveriti nella comunità del rancore e delle disuguaglianze;
  • La dirigenza pubblica e le sfide del XXI secolo;
  • Abbiamo un Piano per la nostra salute;
  • Miracolo in miniera;
  • Un’altra gemma dallo “scrigno” di Dovlatov. “La filiale” o l’amore sbagliato che ritorna;
  • I segreti di De Andrè;
  • Il cinema italiano tra ripresa, dubbi, problemi e speranze;
  • “Senso” inaugura la Stagione del Massimo. Opera di Tutino ispirata alla novella di Boito;
  • Il Mediterraneo nell’arte di Piero Guccione;


Il mio amico Fabrizio
Anno 4 N.47 - 27 dicembre 2010

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Vito Lo Monaco, Brunella Lottero, Concetto Prestifilippo

  • Faber, amico fragile;
  • “I miei venticinque anni insieme a De Andrè”. Parla l’amico e fattore Filippo Mariotti;


Stangata assicurata
Anno 4 N.46 - 20 dicembre 2010

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Maurizio Calà, Calogero Massimo Cammalleri, Gemma Contin, Giancarlo De Cataldo, Antonella Filippi, Enzo Gallo, Salvo Gemmellaro, Margherita Gigliotta, Francesco La Licata, Franco La Magna, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Giuseppe Martorana, Pasquale Petyx, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Nicola Tranfaglia, Alex Turrini, Maria Tuzzo.

  • La politica giovanile dei manganelli;
  • Rc auto, al Sud aumentano le frodi sui sinistri. E le compagnie d’assicurazione fuggono;
  • A Canicattì 8.000 incidenti in un anno. Tariffe altissime, molti i contrassegni falsi;
  • Produrre auto di lusso o energia rinnovabile. In ballo il futuro della fabbrica di Termini;
  • Legambiente: no a nuovi inceneritori. Si privilegi la raccolta differenziata;
  • La Sicilia sprofonda ma il palazzo pensa ad altro;
  • Ars, consenso unanime per salvare i precari. Approvata la proroga e il piano stabilizzazioni;
  • Milioni di cartoline contro la corruzione. Al via campagna dell’associazione Libera;
  • Mafia e pizzo, le prime conversioni;
  • A Caltanissetta siamo al Redde Rationem;
  • Borsellino, il patto tra Stato e Mafia e il misterioso suicidio di Signorino;
  • L’accento padano delle mafie;
  • Mediaticità e verità storica;
  • Lo spettacolo? Un dramma;
  • Todorov racconta la vita da passatore. Un moderato estremo che odia il manicheismo;
  • Le due Palermo di Mimì;
  • L’isola muta e la questione mediterranea;
  • Dal kit per i bambini all’aiuto per gli animali. La guida solidale ai regali di Natale;
  • La ricerca (inutile) dell’uomo dei sogni e i magici capelli di Rapunzel;
  • Ddl Gelmini vs associati;


ITALIANI malgrado tutto
Anno 4 N.45 - 13 dicembre 2010

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Maurizio Ambrosini, Nando Dalla Chiesa, Melania Federico, Antonella Filippi, Enzo Gallo, Salvo Gemmellaro, Antonio Ingroia, Franco La Magna, Giuseppe Lanza, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Federica Macagnone, Davide Mancuso, Filippo Passantino, Francesco Renda, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Maria Tuzzo, Liu Xiaobo.

  • Il crepuscolo del Berlusconismo;
  • In Sicilia il 2,5% della popolazione è immigrata. Un terzo proviene da Romania ed Albania;
  • Solo parole nella lotta alla clandestinità;
  • Aumentano imprese e lavoratori stranieri. Ricerca Cna: In Sicilia 1200 nuove aziende;
  • In Sicilia regolarizzati 7.727 clandestini. A Catania respinto un terzo delle richieste;
  • Insegnanti siciliani con le armi spuntate contro i casi di abuso sull’infanzia;
  • Legambiente: ecco l’Italia che cade a pezzi. In Italia in 4 milioni vivono in zone a rischio;
  • Gli ultimi giorni di Paolo Borsellino;
  • Il volto nuovo dell’Antimafia al nord;
  • Movimenti civici e big society;
  • Il discorso che non potrò leggere;
  • “Donne bellissime” protagoniste della storia nel nuovo libro di Gemma Mannino Contin;
  • Il difficile decollo del Teatro di Canicattì. Sandra Milo lascia in polemica con il sindaco;
  • Dal teatro della Kalsa al grande schermo. Mistretta e Parrinello rilanciano «Ninnarò»;
  • Dieci passi verso la legalità;
  • Sinesio di Cirene e la rivoluzione del sogno: da evento soprannaturale a prodotto psichico;
  • TFF 28: Un grande festival per una città “cinefila”;


Tanti debiti una regione
Anno 4 N.44 - 6 dicembre 2010

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giuseppe Calì, Calogero Massimo Cammalleri, Mario Centorrino, Giusy Ciavirella, Natale Conti, Gemma Contin, Maria De Paola, Antonio Di Giovanni, Franco Garufi, Salvo Gemmellaro, Silvia Iacono, Franco La Magna, Diego Lana, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Filippo Passantino, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Maria Tuzzo, Pietro Vento

  • Una bomba a orologeria sulle confische;
  • Un esercito di presidenti e amministratori. Il debito degli enti regionali sale a 5 miliardi;
  • Cresce l’esposizione debitoria della Regione. Spesi 472 milioni per il rimborso prestiti;
  • Nel sud settantacinque Unioni di comuni. Riuniti per garantire migliori servizi;
  • L’elettorale Piano per il Sud;
  • “Tutti pagano a Balestrate, tutti”. Così è rinata la cosca dei Vitale;
  • Associazioni unite per combattere il racket. Nasce la “Rete per la legalità” nazionale;
  • Gli errori di chi intraprende un’attività imprenditoriale in Sicilia;
  • Mi manda papà, la (immobile) mobilità sociale italiana;
  • Ricerca a perdere: la fuga di cervelli è costata all’Italia 4 miliardi di euro;
  • Antonio Ingroia e il “labirinto degli dei”. Le storie d’Italia con gli occhi del pm;
  • Turchia, terra affascinante;
  • Ferrovie in Sicilia sul binario morto;
  • “Francesca e i suoi figli”;
  • Dall’energia la terza rivoluzione industriale. Legambiente: 25 ecosportelli in tutta la Sicilia;
  • Mafia, potere e… sms;
  • Scrusciu di carta assà e cubbaita nenti!*;
  • Un amore tormentato e un fedele farabutto, ecco l’Ungheria inedita di Kàlmàn Mikszàth;
  • Bartabas che cavalca sulle ombre. Le magie del Teatro Zingaro nel cuore di Parigi;
  • “RCL-Ridotte Capacità Lavorative” ed “Henry” proiettati al TFF;


La disfatta della memoria
Anno 4 N.43 - 29 novembre 2010

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Daniele Checchi, Dario Cirrincione, Claudio Fava, Max Firreri, Salvo Gemmellaro, Antonella Giovinco, Franco La Magna, Salvatore Lo Iacono, Tullio Jappelli, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Brunella Lottero, Davide Mancuso, Angela Mannino, Concetto Prestifilippo, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Tindaro Starvaggi, Antonella Sferrazza, Carlo Tramontana, Maria Tuzzo.

  • La riforma necessaria della Regione; Pompei simbolo del Belpaese che crolla. Viaggio tra i beni artistici in pericolo;
  • L’odissea della villa romana del Casale. Sette anni di lavori e continui rinvii;
  • Il Tempio di Selinunte off limits per i visitatori. Rischio di crolli e cedimenti della struttura;
  • Ricerca Fondazione Res: mafia ed economia. L’area grigia tra criminalità e imprese legali;
  • Dalla piazza ai monumenti alle petizioni on line. La rabbia di studenti e ricercatori sulla Gelmini;
  • Viva gli arcobaleni;
  • L’università dell’incertezza;
  • Più precariato per tutti;
  • Un paradigma filosofico per un serio discorso sulla mafia. Saviano può sbagliare;
  • La fuga delle grandi imprese dalla Sicilia. Bernava: verso la desertificazione industriale;
  • “A Termini si continuerà a produrre auto”. Promozione bipartisan per il piano Rossignolo;
  • In ricordo di Giuseppe Cardaci;
  • La mini libreria contro la macchina del fango. Cossé e l’urlo sommesso contro i best-seller;
  • Vite di trans e transgender in “Evviva la neve”. Delia Vaccarello racconta la gioia di rinascere;
  • Giulio Cavalli, l’Arlecchino dell’antimafia. In libreria il suo “Nomi, cognomi e infami”;
  • Risorgimento senza eroi: “Noi credevamo” di Mario Martone;


Ritorno in società
Anno 4 N.42 - 22 novembre 2010

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Giuseppe D’Avanzo, Enrico Del Mercato, Michele Figurelli, Mark Franchetti, Pietro Franzone, Salvo Gemmellaro, Antonio Ingroia, Franco La Magna, Giuseppe Lanza, Emanuele Lauria, Salvatore Lo Iacono, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Salvatore Orlando, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Tindaro Starvaggi, Francesco Tarantino, Maria Tuzzo.

  • Garantisti ma non sprovveduti;
  • Le ville e i terreni dei boss a fini sociali. Sono 135 i nuovi beni destinati in Sicilia;
  • Confische, la proposta di Italia dei Valori. Istituire un’unità amministrativa comunale;
  • Inail, diminuiscono in Sicilia gli infortuni ma aumentano le vittime sul lavoro;
  • Responsabilità penale e politica. L’inutile ricerca della coerenza;
  • Una riflessione sul futuro politico del Paese “veluti si Costituzione daretur”;
  • Sabato 27 novembre in tutta Italia. La Giornata della Colletta alimentare;
  • L’austerità di Berlinguer e di Papa Benedetto XVI;
  • Il buon uso dell’ateismo come emancipazione. Nelle librerie “Senza Dio” di Giulio Giorello;
  • In Russia scatta la caccia ai reporter scomodi. Già 8 giornalisti uccisi, pestaggi più frequenti;
  • La mafia perbene: medici, avvocati & c. Professionisti che sposano le cosche;
  • Quella volta che interrogai Berlusconi;
  • Alla Regione fioriscono le pensioni d’oro. In Sicilia il più ricco: 1.358 euro al giorno;
  • Racconti immaginifici camuffati da recensioni. “Vuoto assoluto” di Lem, una felice riscoperta;
  • In ricordo di Antonio Bellomo, un uomo e un medico di Successo;
  • Aldo Natoli e la crisi del comunismo;
  • Mammuth, porci, padri delusi vite tranquille e scuola finita;


asud'europa
Iscriversi al Centro Pio La Torre
Progetto educativo antimafia
News en
Europe 4 all
Viaggio per la Memoria
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
28 Maggio 2019 | Commenti (0) | Parti video 16

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam ZNN6O
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica