Comunicati stampa

Lettera Aperta all’On. Luigi Di Maio - Vice Presidente del Consiglio
sabato 21 luglio 2018

Lettera Aperta all’On. Luigi Di Maio, Vice Presidente del Consiglio

On. Di Maio,


ho letto con interesse e stupore il suo articolo di oggi, pubblicato dalla Sicilia, nel quale elenca con certosina precisione le cose decise dal Governo per la nostra isola e quelle che si promette di fare nel corso della legislatura. Ha ben concluso il suo articolo sostenendo di aver messo al centro della politica i cittadini e i loro diritti, il bene della collettività. Con stupore ho notato che si è dimenticato (almeno spero) di prendere in considerazione il peso e il condizionamento della mafia nell’economia e nella vita democratica della Sicilia e del Paese. Mi auguro che sia solo un difetto di comunicazione che però abbiamo rilevato anche nelle recenti campagna elettorali, inclusa quella regionale.

All’indomani di due importanti sentenze giudiziarie,  ancorché non definitive, relative al Borsellino quater e alla “Trattativa”, con le quali si certifica giudiziariamente la collusione e il rapporto organico tra politica, mafia, affari e corruzione, deve convenire che appare strano che la questione non sia considerata prioritaria. D’altra parte al Governo, le sentenze, l’opinione pubblica, il movimento dell’antimafia sociale, chiedono  atti concreti.  Primo,  ricostituire in tempi brevi la Commissione Antimafia con deputati e senatori competenti e al di sopra di ogni sospetto anche col compito specifico di fare piena luce sulle responsabilità politiche e istituzionali della trattativa e delle stragi di mafia degli anni 80 e 90; secondo, aprire gli archivi per rintracciare i mandanti politici e istituzionali; terzo, potenziare le misure di prevenzione politica, sociale,educativa, economica per sconfiggere la mafia e la sua capacità di adattamento a livello globale.

Di fronte la rilevanza di tali questioni ci è sembrato un errore (spero solo di comunicazione e non di scelta politica) ignorarle. Un suo collega di governo recentemente ha usato uno slogan “la mafia fa schifo” che fu pronunciato per prima da un ex presidente della Regione Sicilia successivamente condannato a 8 anni di galera per favoreggiamento della mafia.

Per favore diteci come volete liberarci dalla corruzione, dalla mala politica e dalla mafia, allontanandone la presenza anche da tutte le manifestazioni elettorali e politiche.

Con osservanza e rispetto istituzionale,

cordiali saluti. Vito Lo Monaco, presidente del Centro Studi Pio La Torre


Commenti

Nessun commento scritto
 
  Scrivi un commento
Email Immettere l'email
Password Immettere la password
Salva login
Commento Scrivere il commento
Caretteri disponibili
 
  Hai dimenticato la password? | Non sei registrato?
asud'europa
Progetto educativo antimafia
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
8 Giugno 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

6 Giugno 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam V6LNJ
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica
Sito web realizzato da