Comunicati stampa

VIDEOGIOCO «SICURI SI DIVENTA»
sabato 6 febbraio 2021

Condividi su WhatsApp

SCHEDA ILLUSTRATIVA DEL
VIDEOGIOCO «SICURI SI DIVENTA»

a cura di Pina Lalli

Dipartimento Scienze Politiche e Sociali
Università di Bologna

 

Le nuove generazioni mostrano una sempre maggiore propensione verso le piattaforme di gioco
online. Nel progetto ci si accosta a tale orizzonte per verificare se e come possibile utilizzarlo con finalità formative, nella fattispecie per promuovere consapevolezza sui temi della salute e sicurezza sul lavoro.

Si è sperimentato un percorso di ricerca partecipativa e co-costruzione (con strumenti di rilevazione qualitativa e quantitativa) di un videogioco educativo utilizzabile nei percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento a scuola.

Attraverso la collaborazione con Inail e tre dipartimenti di salute pubblica di aziende sanitarie locali si è condotto un lavoro di osservazione e rilevazione in 7 scuole superiori (in EmiliaRomagna, Lazio e Marche) nei settori agrario, edile e manifatturiero per individuare esigenze e rappresentazioni di studenti e docenti, con riferimento alla conoscenza delle norme sulla sicurezza sul lavoro e soprattutto al tipo di atteggiamento verso il rischio.

L’analisi ha portato a realizzare il videogioco Sicuri si diventa, testato e positivamente valutato da numerosi studenti di scuole medie superiori in occasione di appositi tornei.

La struttura del gioco coniuga le esigenze espresse dai ragazzi con i contenuti tecnici richiesti dai formatori. Esso presta attenzione al divertimento del giocatore, per favorire l’affezione alla dinamica di game-play, rendendo più accessibili gli elementi della formazione.

Il concept si basa sul ruolo di rilievo dato allo studente, che nel gioco è investito del compito di responsabile della sicurezza junior. Il giocatore deve gestire la sua azienda cercando di completare tutti i livelli.

L’azione di gioco è una sfida in cui si ottengono punteggi in funzione dell’abilità nel mettere in sicurezza i lavoratori evitando infortuni grazie soprattutto ai dispositivi di protezione adeguati. La complessità aumenta man mano che salgono i punti. I punteggi permettono anche di acquisire maggiori opportunità di vestire il proprio avatar in modo mano a mano più personalizzato.

È un videogioco detto “gestionale”, ambientato in uno scenario 3d visto dall’alto, progettato per essere veloce, leggero e utilizzabile su smartphone o pc.

L’applicazione delle regole della sicurezza è il gioco, il cui obiettivo è far crescere l’azienda evitando infortuni. S’intende così far comprendere che l’applicazione delle regole di sicurezza non comporta alcuna perdita di tempo o di guadagno, ma anzi fornisce efficienza e crescita in termini economici e di salute. Sono disponibili tutorial, evitabili qualora il giocatore si consideri già informato.

Sicuri si diventa cerca di non penalizzare l’immedesimazione e il divertimento, introducendo gradualmente informazioni e momenti formativi indiretti. Usando lo spazio virtuale e sperimentando i percorsi necessari per raggiungere i vari obiettivi, il giocatore apprende le regole mettendole in pratica.

Il videogioco è disponibile gratuitamente all’indirizzo https://site.unibo.it/sicuri-sidiventa/it/gioca (versione desktop e mobile)

Documenti allegati

Commenti

Nessun commento scritto
 
  Scrivi un commento
Email Immettere l'email
Password Immettere la password
Salva login
Commento Scrivere il commento
Caretteri disponibili
 
  Hai dimenticato la password? | Non sei registrato?
Progetto educativo antimafia 2020-2021
L'educazione civica torna a scuola
asud'europa
Assessorato Beni Culturali
Archivio digitale Pio La Torre
MIUR
Donaci il 5x1000
Iscriversi al Centro Pio La Torre
News en
Europe 4 all
Amoru
Europe 4 all
RASSEGNA VIDEO
12 Gennaio 2021 | Commenti (0) | Parti video 1

21 Dicembre 2020 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam MJU8N
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
La Marcia di Pio
Memoria fotografica