Dagli oratori agli olifici, così rinascono i beni sottratti ai boss

Cultura | 18 agosto 2019
Dagli oratori alle fabbriche di olio, dalle basi per gli scout a nuove cappelle. I beni confiscati alla mafia rivivono anche grazie all’impegno della Chiesa italiana. Più del 20 per cento delle realtà che hanno in gestione beni confiscati sono appunto legate a diocesi e parrocchie: 170 esperienze su 782 buone prassi nel campo. Ne parla il libro «Dalle mafie ai cittadini» firmato dai giornalisti Toni Mira e Alessandra Turrisi per le edizioni San Paolo. Un libro che racconta «la meraviglia di questo Bene sorto dal male, di questi luoghi che sono stati e continuano ad essere per tante persone, a volte per interi territori, strumenti di riscatto sociale, culturale, civile», come sottolinea nella prefazione il presidente di Libera, don Luigi Ciotti.

 A Gioiosa Ionica, in Calabria, 130 ragazzi frequentano l'oratorio in quella che fu la villa a due piani di Antonio Femia, broker della droga per conto delle famiglie della 'ndrangheta. Non è stato semplice: dopo l’assegnazione alla diocesi di Locri-Gerace un incendio doloso aveva reso quasi inservibile la villa; ma il vescovo, mons. Franco Oliva, è andato avanti, l’ha fatta riparare e a giugno del 2017 la struttura è stata inaugurata. 

A Castelvetrano, in provincia di Palermo, alcuni terreni confiscati alla famiglia di Matteo Messina Denaro sono stati affidati alla comunità di recupero 'Casa dei giovanì, fondata da don Salvatore Lo Bue nel 1983. E’ qui che sono gli ulivi dai quali si produce l’olio santo utilizzato nelle celebrazioni di tante chiese della diocesi di Palermo.

 Tra queste esperienze c'è anche una vera e propria chiesa sorta su un terreno confiscato. Al momento è l’unica ed è la parrocchia di San Gaetano Catanoso a Gioia Tauro. Lo scorso giugno vi ha celebrato messa anche il Segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, in occasione del Congresso Eucaristico della diocesi di Oppido Mamertina-Palmi. "Là dove doveva sorgere un palazzo della 'ndrangheta - sottolineano Mira e Turrisi nel loro saggio - ora c'è la 'casa del Signorè. Una storia bella ma lunghissima, esemplare nei ritardi nel'utilizzo dei beni confiscati, ma anche di come, perfino una chiesa, possa 'disturbarè i mafiosi». Sempre in Calabria, a Siderno, un immobile della 'famiglià Macrì è diventata la base degli scout e di altre associazioni cattoliche che si occupano di minori a rischio.



« Articoli precedenti

asud'europa
Iscriversi al Centro Pio La Torre
Progetto educativo antimafia
Europe 4 all
Viaggio per la Memoria
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
28 Maggio 2019 | Commenti (0) | Parti video 16

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam RWN5X
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica