Ecco perchè la mafia al nord ha trovato terreno fertile

Società | 10 dicembre 2018

Il tema dell’espansione territoriale delle mafie e della corruzione è stato al centro della terza conferenza del progetto educativo antimafia promosso dal Centro Studi Pio La Torre.
“Per molto tempo si è ritenuto che il modello mafioso non fosse ‘esportabile’ fuori dalla Sicilia, che il potere criminale fosse qualcosa di circostanziato nell’Isola - spiega Rocco Sciarrone, sociologo dell’Università di Torino. Oggi sappiamo che questa tesi è superata e che le mafie sono radicate in diverse aree dell’Italia. Per spiegare questo fenomeno spesso si fa ricorso a spiegazioni parziali, l’idea dominante è quella della diffusione attraverso il ‘contagio’, con i mafiosi paragonati a un virus che dal sud si sposta al nord e infetta la società, presupponendo una perfetta legalità del territorio ‘invaso’. Ma, in realtà - conclude Sciarrone - in molti contesti in cui le mafie si sono innestate era presente una illegalità diffusa, e in particolare la corruzione, soprattutto quella sistemica”.
Per Antonio La Spina, sociologo della Luiss di Roma "le differenze tra mafia e corruzione sono sottili ma evidenti. Le mafie operano il controllo del territorio e la sistematica possibilità di evocare il ricorso alla violenza attraverso le intimidazioni. Nelle forme corruttive ci sono forme di intimidazione ma rappresentano una eccezione. Inoltre nella mafia l'appartenenza è permanente, mentre la corruzione è finalizzata ad un singolo o a specifici fatti corruttivi. Tecnicamente quindi dovrebbe essere più facile contrastare la corruzione rispetto alla mafia, ma oggi nel nostro paese pur essendoci una crescente lotta alla corruzione rispetto agli anni passati, non ha la stessa dimensione e potenza della lotta alla mafia. Oggi - conclude La Spina -uno degli obiettivi dell'Onu per lo sviluppo sostenibile da raggiungere entro il 2030 è ridurre in modo sostanziale la corruzione in tutte le sue forme. Il problema è dunque mondiale, pur con le sue declinazioni specifiche".
Paolo Sciascia, dirigente del Miur, ha sottolineato il ruolo della scuola nell'insegnamento della legalità e dell'antimafia, base per uno sviluppo sano della società.
La prossima conferenza si svolgerà lunedì 14 gennaio sul tema “La Globalizzazione delle mafie”. Relatori saranno Claudio Fava, presidente della Commissione Regionale Antimafia, il prof. Ernesto Savona, economista dell’Università Cattolica di Milano e un dirigente nazionale e regionale della Banca d'Italia.

 di Davide Mancuso

« Articoli precedenti

asud'europa
Progetto educativo antimafia
Associazione internazionale Guido Dorso
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
13 Dicembre 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

10 Dicembre 2018 | Commenti (0) | Parti video 8

11 Ottobre 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam PNJ0M
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica
Sito web realizzato da