I tagli mortali alle associazioni, l'Ars ci può ripensare

Politica | 2 febbraio 2018

La Commissione Cultura, Lavoro e Formazione dell’Ars, presieduta dall'on. Luca Sammartino, presenterà una risoluzione che impegni il Governo regionale a mettere in atto tutte le procedure per affrontare l’emergenza delle associazioni culturali e antimafia che si sono viste ridurre al minimo il finanziamento regionale. In particolare si chiederà lo slittamento a giugno del termine per la rendicontazione, la modifica dei criteri per l'assegnazione delle somme e aumento del fondo da cui prelevare le somme, che attualmente ammonta ad 8 milioni di euro. Accolte così alcune delle richieste presentate dalle associazioni che stamattina sono state ricevute in audizione dalla V Commissione (Centro studi ed iniziative culturali  Pio La Torre, ARCI  Sicilia, Associazione per la conservazione delle tradizioni popolari, Centro Studi Feliciano Rossitto, Istituto Gramsci, Fondazione Gaetano Costa, Fondazione Giovanni Chinnici, Fondazione Falcone, Fondazione Mandralisca e Fondazione Buttitta). In particolare, le richieste, illustrate da Vito Lo Monaco, presidente del Centro Studi Pio La Torre, erano quelle di rimodulare gli stanziamenti alle associazioni, introdurre dal prossimo anno una programmazione triennale degli interventi, garantire una maggior precisione dei tempi di erogazione dei contributi e distinguere i canali di finanziamento delle associazioni culturali antimafia da altre associazioni che si occupano di tutt’altro, come sagre paesane e discoteche. 


“Chiediamo alla Giunta Regionale di rivedere l’assetto complessivo delle somme stanziate. Pur ritenendo positivo il superamento dei fondi erogati con il sistema della c.d. “Tabella h” riteniamo che l’attuale situazione normativa non sia stata in grado di rispondere pienamente alle esigenze tanto degli assessorati regionali quanto delle istituzioni destinatarie dei fondi”, ha sottolineato Vito Lo Monaco, presidente del Centro La Torre. “Ci preme sottolineare come molte realtà dipendano in maniera cospicua da questi fondi per lo svolgimento della propria attività culturale e di ricerca. Pertanto la situazione venutasi a creare per effetto della riduzione di spesa e per la distribuzione dei fondi mette seriamente a rischio l’attività delle nostre associazioni e ed istituzioni, come già sottolineato anche da esponenti dell’attuale governo sui mezzi di informazione. Riteniamo - continua Lo Monaco - che sia possibile giungere, tramite un diretto confronto tra le parti, ad individuare rapide e positive azioni che consentano il superamento delle problematiche per l’anno 2017 e per gli anni a venire.

Riteniamo dunque prioritari questi punti di interesse: 1) inserire criteri di specificità delle associazioni destinatarie dell’intervento regionale e metodologia  dei punteggi di attribuzione; 2) definire le specificità e la natura delle associazioni richiedenti secondo uno schema che premi chi sia dotato di legge regionale istitutiva e chi abbia un riconoscimento storico delle attività; 3) carattere triennale della programmazione con relativa dotazione finanziaria; 4) maggiore precisione nei tempi di erogazione del contributo economico; 5) maggiore precisione nell’individuazione, nel bando, delle specificità delle associazione. Tali punti - conclude Lo Monaco - possono essere oggetto di uno specifico intervento legislativo. In questa ipotesi siamo pronti a contribuire fornendo tutto il materiale e le esperienze in nostro possesso”.


“Le associazioni culturali che svolgono un’importante azione di divulgazione del messaggio e della cultura della legalità non possono essere penalizzate dalla mancanza di criteri certi ed equi per la ripartizione dei contributi regionali”, ha dichiarato il presidente della commissione Cultura, Lavoro e Formazione, Luca Sammartino. “Abbiamo ascoltato le difficoltà di enti che rappresentano il patrimonio culturale della Sicilia e che chiedono a gran voce nuove norme per la ripartizione dei finanziamenti. In accordo con l’assessore all’Economia Gaetano Armao e con l’assessorato ai Beni culturali. Intanto – conclude il parlamentare Pd -   ho chiesto alle associazioni di presentare delle proposte di riforma delle legislazione vigente. E’ indispensabile riformare radicalmente il sistema dei  contributi per quelle realtà culturali che rappresentano un enorme patrimonio che rischia di  sparire definitivamente”.


L'assessore all'Economia, Gaetano Armao ha chiarito come per la Regione sia "impossibile intervenire sulle somme già stanziate per il 2017, ma per il prossimo anno la Giunta si impegnerà affinché possano essere riviste al rialzo le risorse destinate al Dipartimento dei Beni Culturali, cui le associazioni dipendono".


"Bisogna sostenere le associazioni culturali ed i centri studi antimafia attraverso una nuova legge regionale che permetta a queste realtà di poter programmare in maniera adeguata le loro attività", ha detto Giuseppe Lupo, presidente del gruppo PD all’Ars. "Le associazioni che hanno tradizioni  e storie di particolare importanza, soprattutto in un ambito delicato come quello della conoscenza e del contrasto del fenomeno mafioso - ha continuato Lupo - meritano di essere qualificate come ‘Enti strumentali della Regione’. Serve una riclassificazione di questa categoria e bisogna inserire nel Bilancio della Regione un finanziamento strutturale triennale: queste realtà devono poter contare inoltre su un contributo annuale che può essere integrato in occasione di specifici progetti culturali. Sono convinto – ha concluso Lupo – che si debba intraprendere questo percorso, in raccordo con i responsabili delle strutture, per dare un assetto stabile ad attività che sono importantissime per la Sicilia”. 

 di Davide Mancuso

« Articoli precedenti

Accedi al questionario del Progetto Educativo Antimafia 2017-2018
asud'europa
Progetto educativo antimafia
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
24 Gennaio 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

11 Dicembre 2017 | Commenti (0) | Parti video 6

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam ZSG9N
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica
Sito web realizzato da