Il triste destino dei laureati siciliani: bravi ma disoccupati

Economia | 1 ottobre 2019

I neolaureati siciliani, lucani, calabresi e pugliesi sono, a livello europeo, coloro che hanno avuto maggiori difficoltà a trovare lavoro nel 2018. Secondo i dati Eurostat 2019, infatti, lo scorso anno, quattro delle cinque regioni dell’Unione europea fanalino di coda in tema di occupazione sono tutte situate nell’Italia meridionale. La Sicilia è la maglia nera: solo il 27,3% dei neolaureati ha trovato lavoro. Seguono Basilicata e Calabria, con entrambi il 31,6% di neolaureati assorbiti nel mercato del lavoro. La Puglia, con il 36,9% di neolaureati occupati, fa meglio della regione della Grecia centrale, Sterea Ellada, che presenta un tasso di occupazione di neolaureati pari a 32,8%. Percentuali che, di per sé, fanno paura, così come la posizione occupata da queste regioni nella classifica a livello europeo. Tuttavia, lasciano ancora più sgomenti se si volge lo sguardo a quanto accaduto nelle altre regioni europee sempre nel 2018. Il tasso di occupazione per i neolaureati è stato pari o superiore al benchmark dell’82% in 155 delle 269 regioni NUTS di livello 2 per le quali sono disponibili i dati. Tra questi, c’erano 60 regioni NUTS di livello 2 in cui il tasso di occupazione per neolaureati ha raggiunto il 90% o più. Queste regioni sono concentrate in Repubblica Ceca, Germania, Paesi Bassi, Austria e Svezia. In particolare, la regione della Germania sud-orientale del Niederbayern (97,6%) e la regione ceca di Jihozápad (96,9%) hanno registrato i più alti tassi di occupazione regionali per i neolaureati.
Non è opinabile come il Sud d’Italia continui ad essere in ritardo in tema di istruzione terziaria e opportunità lavorative, nel contesto di una Europa dove vi è stato un aumento generale della percentuale di occupazione dei neolaureati per cinque anni consecutivi. Nel 2018, la media UE-28 del tasso di occupazione dei neolaureati si è attestata all’80,6% nel 2018, avvicinandosi all’obiettivo politico Europa 2020 dell’82%. Oltre 50 punti di differenza tra il Mezzogiorno d’Italia e il resto d’Europa, che fanno si che le nostre regioni meridionali stiano diventando il Mezzogiorno d’Europa.
I dati Eurostat sono ancora più sconfortanti di quelli altrettanto scoraggianti dell’OCSE, riguardanti il livello di istruzione terziaria e di occupazione dei giovani in Italia. Secondo l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, infatti, sebbene siano aumentati i giovani italiani laureati nella fascia di età 25-34 anni - raggiungendo il 28%, percentuale comunque al di sotto della media Ocse che è pari a 37% - solo il 67% trova lavoro. La laurea, comunque, non garantisce un tenore di vita più elevato rispetto a chi non ha conseguito un titolo accademico. Coloro che hanno una laurea, infatti, guadagnano il 19% in più rispetto a chi ha conseguito solo il diploma, contro il 38% della media dell’area Ocse.

 di Alida Federico

« Articoli precedenti

asud'europa
Iscriversi al Centro Pio La Torre
Progetto educativo antimafia
News en
Europe 4 all
Viaggio per la Memoria
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
28 Maggio 2019 | Commenti (0) | Parti video 16

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam 9XKFY
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica