Quando Palermo diventò Woodstock e arrivarono le grandi star

Cultura | 22 luglio 2020
Nell’estate del 1970 Palermo credette di essere la Woodstock del Mediterraneo. Con Pop '70 era diventata il richiamo delle grandi star internazionali. Cinquant'anni dopo le storie, i personaggi, i retroscena di quell'evento straordinario sono raccontati da Sergio Buonadonna con il ritmo incalzante di un romanzo nel libro «Quando Palermo sognò di essere Woodstock» (Navarra editore, 275 pagine, 16 euro). 

Regista e creatore di Pop '70 era l’impresario siculo-americano Joe Napoli, l’uomo che aveva inventato in Europa il festival campus. La sua ambizione era quella di regalare alla Sicilia, dalla quale erano partiti i suoi genitori, un appuntamento indimenticabile. E indimenticabile fu quell'estate stupefacente di mezzo secolo fa quando Palermo era stretta tra la politica delle clientele, la scalata al Comune di Vito Ciancimino e la mafia che sparava e che a settembre avrebbe rapito Mauro De Mauro. 

Nel mondo si chiudeva il decennio della rivoluzione culturale, della swinging London e della contestazione giovanile. Buonadonna era allora un giovanissimo cronista e critico musicale del giornale L’Ora. Per ricreare l’atmosfera delle indimenticabili serate con Duke Ellington, Aretha Franklin, Johnny Halliday, i Colosseum, i Black Sabbath ricorre alla sua memoria e ai ricordi di amici giornalisti e di chi c'era sul prato e dietro le quinte dello stadio della Favorita. Ne viene fuori un intreccio di segreti e di episodi curiosi come quello che ebbe come protagonista Arthur Brown, l’istrionico cantante inglese che si spogliò e fu arrestato da Boris Giuliano. Una storia che il quasi ottantenne Brown torna ora a rievocare con particolari inediti e divertenti. 

Accadde tanto altro nei quattro giorni più pazzi che Palermo abbia vissuto. Tra sesso, droga e rock 'n roll, c'è spazio per la chiamata di Joe Napoli a Mick Jagger: «Vieni in Sicilia a disintossicarti». Nella descrizione del contesto sociale, artistico e culturale della Palermo del 1970 Buonadonna finisce in casa di Silvana e Cecè Paladino, gli eredi Florio mecenati del rock e del jazz, teatro delle stravaganze di Tony Scott e Keith Emerson. Tutto è impreziosito dalle rivelazioni di Mariolina Cannuli e di Rosanna Fratello, di Bobby Solo, dei Ricchi e Poveri e di Fausto Leali. E poi le prove incandescenti di Giuni Russo, Franco Trincale e del Clan Free, l’emozione e il ricordo dei debuttanti siciliani. 

Ma anche le avventurose ascese di Filippo Panseca, l’architetto diventato poi amico di Craxi, dei musicisti Claudio Lo Cascio, Enzo Randisi, Ignazio Garsia e la nascita del Brass Group. Una politica che temeva quella ventata rivoluzionaria che aveva la musica come motore decretò dopo tre anni la fine di Pop '70. Molti di quei personaggi non ci sono più. Joe Napoli morì a Palermo nel 1989 e qui è sepolto in una tomba senza nome al cimitero dei Rotoli. Il tramonto della Palermo-Woodstock è riassunto anche da questo amaro congedo.



« Articoli precedenti

Progetto educativo antimafia 2020-2021
L'educazione civica torna a scuola
asud'europa
Assessorato Beni Culturali
Archivio digitale Pio La Torre
MIUR
Donaci il 5x1000
Iscriversi al Centro Pio La Torre
News en
Europe 4 all
Amoru
Europe 4 all
RASSEGNA VIDEO
24 Febbraio 2020 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam NRESC
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
La Marcia di Pio
Memoria fotografica