Un adolescente su due vittima di violenza nelle scuole

Giovani | 13 settembre 2018

Metà degli studenti fra i 13 e i 15 anni nel mondo circa 150 milioni ha riferito, secondo quanto riportato nel rapporto An Everyday Lesson: #ENDviolence in Schools(Una lezione quotidiana: porre fine alla violenza nelle scuole) dellUNICEF, di aver subito violenza da parte dei loro coetanei a scuola e fuori. La violenza tra coetanei misurata come il numero di bambini che hanno riferito di essere stati vittime di bullismo nellultimo mese o che sono stati coinvolti in scontri fisici nellultimo anno – è una componente diffusa dellistruzione dei giovani nel mondo. Ha altresì un impatto sullapprendimento degli studenti e sul loro benessere sia nei paesi poveri che ricchi. 

Secondo gli ultimi dati dellUNICEF a livello globale, poco più di 1 studente su 3 fra i13 e i 15 anni è vittima di bullismo e circa la stessa percentuale è coinvolta in scontri fisici; 3 studenti su 10 in 39 paesi industrializzati ammettono di esercitare bullismo sui loro coetanei. Nel 2017, sono stati registrati 396 attacchi documentati o verificati sulle scuole nella Repubblica Democratica del Congo, 26 sulle scuole in Sud Sudan, 67 attacchi in Siria e 20 attacchi in Yemen. Circa 720 milioni di bambini in età scolastica vivono in paesi in cui le punizioni fisiche a scuola non sono completamente proibite; le ragazze e i ragazzi sono egualmente esposti al rischio di bullismo, ma le ragazze hanno maggiori probabilità di essere vittime di forme psicologiche di bullismo e i ragazzi incorrono in un rischio maggiore di violenze fisiche e minacce. In Italia, il 37% degli studenti fra i 13 e i 15 anni ha riferito di essere stato vittima di bullismo a scuola almeno una volta negli ultimi due mesi e/o di essere stato coinvolto in scontri fisici almeno una volta nei 12 mesi passati. In questa stessa fascia di età, il 12% degli studenti ha subito atti di bullismo (a scuola almeno una volta negli ultimi due mesi) e il 31% è stato coinvolto in atti di violenza fisica (almeno una volta negli ultimi 12 mesi). Il rapporto evidenzia che la violenza con armi a scuola, come coltelli e pistole, continua a provocare morti. Sostiene, inoltre, che in un mondo sempre più digitale, i bulli stanno disseminando messaggi violenti, offensivi e umilianti premendo dei pulsanti sulla tastiera.

Listruzione -ha dichiarato il Direttore generale dellUNICEF, Henrietta Fore- è fondamentale per costruire delle società che vivano in pace, eppure, per milioni di bambini nel mondo, la scuola stessa non è sicura. Ogni giorno, i bambini incontrano numerosi pericoli, fra cui scontri, pressione per unirsi alle gang, bullismo sia di persona che online , punizioni violente, molestie sessuali e violenza armata”. Egli sottolinea come nel breve periodo tutto ciò ha un impatto sul loro apprendimento, nel lungo periodo, invece, può condurre a depressione, ansia e persino suicidio. La violenza è una lezione indimenticabile che nessun bambino ha bisogno di imparare.

An Everyday Lesson: #ENDviolence in Schools fa parte della campagna globale dellUNICEF #ENDviolence. È inoltre parte di uno sforzo collettivo per fare luce e avviare unazione per porre fine alla violenza a scuola e fuori, portato avanti da organizzazioni come lUNICEF, il DFID (United Kingdoms Department for International Development), lUNESCO e altri membri della Partnership Globale per porre fine alla violenza contro i bambini e dellUNGEI (United Nations Girls' Education Initiative).

Per porre fine alla violenza nelle scuole, lUNICEF e i suoi partner chiedono di attuare politiche e normative per proteggere gli studenti dalla violenza; rafforzare le misure di prevenzione e risposta nelle scuole; invitare le comunità e i singoli a unirsi agli studenti quando si schierano contro la violenza e lavorano per cambiare la cultura nelle classi e nelle comunità; fare investimenti più efficienti e mirati verso soluzioni provate che aiutino gli studenti e le scuole ad essere sicuri; raccogliere dati migliori e disaggregati sulla violenza contro i bambini nelle scuole e fuori e condividere ciò che funziona.

 di Melania Federico

« Articoli precedenti

asud'europa
Progetto educativo antimafia
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
8 Giugno 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

6 Giugno 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam 1PWGW
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica
Sito web realizzato da