Relazione sull'attività svolta nel 1999

Il 1999 completa il primo triennio di attività del Centro da quando gli Organi hanno deciso di trasferire la propria sede da Alcamo.

Si deve ricordare, innanzitutto, come rilevante dal punto di vista amministrativo-organizzativo, la decisione di recepire il Decreto legislativo n. 460/1997 sulle ONLUS per motivazioni non soltanto fiscali e giuridiche, ma anche per consentire all'Associazione di far parte del settore "no profit".

La classificazione prevista all'art.l0 lettera A.9 "promozione della cultura" inquadra l’Associazione nel corrispondente Albo del settore "no profit" con risvolti positivi per la propria immagine.

La decisione è stata agevolata dal fatto che lo Statuto dell'associazione conteneva tutti gli elementi per farne parte.

La modifica statutaria con l'istituzione del Comitato scientifico e del Collegio dei probiviri ha potenziato e migliorato qualitativamente l'organizzazione dell'associazione in quanto acquisisce nuove partecipazioni di elevato livello.

Si conferma, dopo tre anni, che il successo del Centro deriva dalla polivalente attività, messa in essere da una organizzazione che, pure affidata all'impegno volontario che lo caratterizza, ha come linea direttrice di azione quella di onorare la memoria di Pio La Torre, sollecitando il dibattito sui temi a Lui più vicini, la lotta 1alla mafia e lo sviluppo della Sicilia nelle diverse forme economico-sociali e culturali.

La prova è venuta dalla presenza del pubblico alle manifestazioni che ha lasciato soddisfatti non soltanto i responsabili del Centro ma le numerose personalità di Governo, della cultura, dell'economia, dell'Università, intervenuti come relatori.

E anche sulla stampa e nelle trasmissioni radiofoniche e televisive, le manifestazioni del Centro hanno avuto ampio risalto diffondendo le interviste con i protagonisti.

Anche nel 1999 si è continuato ad utilizzare un veicolo informativo internazionale come INTERNET nel quale esiste il sito ed un apposito indirizzo dove vengono rappresentate le iniziative in modo che i ricercatori e gli studiosi possano richiedere la documentazione.

Un motivo di soddisfazione viene dal dato delle statistiche delle richieste di chi utilizza INTERNET: totale n.232 di cui 121 italiani nel 1999, come risulta da allegato.

Ma il 1999 rappresenta anche un momento di cambiamento nella legislazione regionale che finora aveva supportato l'attività del Centro.

La L.R. n. 20 del 13/09/1999 ha voluto inserire il Centro tra le associazioni impegnate nella lotta alla mafia, nell'educazione alla legalità, nella diffusione dell'informazione e della conoscenza del fenomeno mafioso.

Per inciso si deve sottolineare che lo Statuto del Centro prevede un campo di attività molto più ampio di quello previsto dalla recente legislazione regionale, riconosciuto dalla L.R. n.21/90 con la quale la Regione stabiliva un finanziamento per le varie attività del Centro.

La complessità delle procedure di attuazione, istituzione dell'Alba ed emanazione del regolamento, hanno fatto prevedere agli Organi dirigenti del Centro le difficoltà di attuazione che si sono, poi, verificate tanto che, nella migliore delle ipotesi, soltanto alla fine dell'anno si potrà accedere ai benefici della legge per il 2000.

Non restava agli organi del Centro altra possibilità che quella di "dosare l'attuazione del programma 1999" in modo da poter essere presenti anche nell'anno 2000 nello scenario politico, sociale e culturale.

La possibilità di prolungare l'attuazione del programma nell'anno 2000 è stata consentita dalla circolare n.14 del 1991 emanata dall'Assessorato regionale BB.CC. che autorizza il Centro a completare il programma 1999 nel corso dell'anno successivo con le disponibilità finanziarie residue.

Si deve evidenziare, a tal proposito, che con verbale del Comitato di Direzione in data 23/12/1999 ed ancora più precisamente il I° marzo 2000 è stato provveduto ad impegnare la somma di £ 25.900.000 del finanziamento dell'Assessorato regionale BB.CC. e ad incardinare le relative iniziative da effettuare.

Per tal motivo il Centro presenta la relazione di attività 1999 al fine di giustificare le somme spese, in c/residui dell'anno 1998 ed in c/competenza del 1999, mentre per quelle da spendere, comprensive del saldo che si richiede all'Assessorato regionale BB.CC., per far fronte agli oneri derivanti dalle iniziative citate nel suddetto verbale, si provvederà con un apposito rendiconto finale al termine dell'anno in corso.

Infatti si deve chiarire che l'esercizio amministrativo-contabile effettivo del Centro non coincide con l'anno solare, in quanto le procedure di erogazione del contributo si protraggono a metà anno, anche per ritardi nell'operatività del bilancio della Regione. Inoltre occorre precisare che in alcuni casi è stato, e sarà difficile, mantenere le iniziative programmate o perché non più di attualità o per indisponibilità dei relatori. Talune difficoltà nell'attuazione del programma sono determinate dalla scelta strategica, certamente positiva, del Centro di associarsi nelle iniziative ad altre organizzazioni come l'Università di Palermo, i Comuni, le Scuole, le Confederazioni delle Associazioni produttive (C.N.A., C.I.A.), le Associazioni degli Ordini professionali (Ordine degli Ingegneri e Ordine degli Architetti), al fine, non solo di distribuire l'onere delle iniziative, ma di avere apporti scientifici utili per migliorare i risultati dell'attività.

Non è sempre facile, infatti, trovare strette sinergie anche nei tempi di attuazione quando i soggetti promotori siano più di uno.

Il fatto che importanti Istituzioni pubbliche come l'Università accettino di organizzare manifestazioni culturali con il Centro Pio La Torre testimonia del prestigio che lo stesso si è conquistato in questi tre anni.

Scorrendo i nomi di coloro che hanno partecipato alle manifestazioni come relatori si evince l'elevato livello culturale, scientifico e politico delle stesse: a ciò ha contribuito la convinzione dei responsabili del Centro che le tematiche in discussione abbisognassero di autorevoli commentatori, se non, degli stessi protagonisti.

Il filo conduttore che nel 1999 ha guidato i responsabili del Centro è stato quello di diversificare l'attività rispetto all'anno precedente concentrandosi soprattutto sui temi sociali e culturali.

In tale ambito si inquadra la scelta di continuare a presentare al pubblico libri e personalità siciliani, con l'obbiettivo di valorizzarne l'opera o il pensiero e di focalizzare il dibattito su alcuni temi di grande attualità.

Inoltre è stato deciso di proseguire nella pubblicazione dei Quaderni che "conservassero e diffondessero" i dibattiti specialmente dopo averne constatato la valenza scientifica che trascende il tempo e la novità nella pubblicistica regionale.

A tal fine è stato dato alle stampe, con le difficoltà che possono avere coloro che non sono professionisti del settore il Quaderno n.3 "In ricordo di Pio La Torre e Rosario Di Salvo caduti nella lotta alla mafia". In questo Quaderno sono riportati gli atti della commemorazione di Pio La Torre avvenuta a Corleone il 30 aprile, nel 17° anniversario del suo assassinio.

Così come previsto dalla circolare n. 917 del 9/12/93, è stato messo a disposizione dell'Assessorato regionale BB.CC. il 20% delle pubblicazioni.

Un ultima annotazione per megere in evidenza che le spese di gestione sono contenute, cosi come richiesto dall'Assessorato, e ciò è dovuto al volontariato dei responsabili del Centro e alla copertura con le entrate proprie.

In dettaglio si descrivono le iniziative svoltesi durante l'anno 1999:

1. TITOLO: "La crisi dell'Ateneo palermitano"

PARTECIPANTI Gianni Parisi, Piero Violante, Giuseppe Amato, Antonio Bacarella, Pietro Cerami, Salvatore Costantino, Francesco Di Quarto, Davide Faraone, Michele Figurelli, Alessandro Garilli, Patrizia Lendinara, Francesco Musacchia, Elio Oliveri, Andrea Parlato, Fulvio Pedone, Salvatore Raimondi, Giovanni Ruffino, Giuseppe Silvestri, Paolo Viola, Antonino Gullotti, Salvatore Morinello.

DATA E LUOGO Lunedì 8 Febbraio 1999 c/o Cinema Rouge et Noir Palermo.

SINTESI Il dibattito ha affrontato i problemi che travagliano l'Ateneo palermitano, sia dal versante statutario, che da quello strutturale. E'emerso con forza che al di là dei problemi interni all'Università esiste una sua difficoltà a collegarsi con la società palermitana.

2. TITOLO: "Fare impresa in Sicilia"

PARTECIPANTI Mario Filippello, Gianni Parisi, Salvatore Bonura, Mario Centorrino, Julio Cosentino, Antonia Di Miceli, Gianfranco Imperatori, Giuseppe Lumia, Angelo Capodicasa.

DATA E LUOGO Martedì 16 Febbraio 1999 c/o Astoria Palace Hotel Palermo

SINTESI Luci ed ombre del panorama della imprenditoria siciliana. Sono state messe in rilievo le potenzialità esistenti alla luce di alcuni esempi di imprese moderne e competitive, ma è stato anche sottolineato il forte ritardo della Regione nel creare un quadro di riferimento certo, legislativo e infrastrutturale, per la crescita delle imprese in Sicilia, è stata denunciata la presenza frenante e distorcente della mafia.

3. TITOLO "Incontro con Michele Perriera"

PARTECIPANTI Michele Ferrera, Antonio Calabrò, Guido Valdini, Gianni Parisi.

DATA E LUOGO Venerdì 23 Aprile 1999 c/o i locali della Fondazione Whitaker a Villa Malfitano - Palermo.

SINTESI Un excursus attraverso l’opera teatrale, letteraria e giornalistica di Perriera a confronto con due giornalisti. Un confronto anche sul mondo contemporaneo e i suoi problemi.

4. TITOLO "In ricordo di Pio La Torre e Rosario Di Salvo caduti nella lotta alla mafia".

PARTECIPANTI Gianni Parisi, Giuseppe Cipriani, Gioacchino Vizzini, Francesco Renda.

DATA E LUOGO 30 Aprile 1999 c/o la Palestra Comunale "Pio La Torre e Rosario Di Salvo" - Corleone

SINTESI L'annuale celebrazione dell'anniversario dell'assassinio di Pio La Torte e di Rosario Di Salvo si è svolta a Corleone in un incontro con il giovani delle scuole. Ciò perché forte è stata la presenza di La Torre In quella zona durante le lotte contadine per la terra e contro la mafia, specie dopo l’assassinio di Rizzotto.

5. TITOLO: "La pianificazione come metodo di governo e strategia di riqualificazione del territorio"

PARTECIPANTI N.Giuliano Leone, Gianni Parisi,Tommaso Giura Longo, Giuseppe Trombino, Teresa Cannarozzo, Vezio E. De Lucia, Manlio Marchetta, Luigi Scandì Bruno Babrielli, Alba Alessi, Elena Camerlingo, Francesco Indovina, Giuseppe Carta, Bernardo Rossi Doria, Giuseppe Gangemi, Renato Cannarozzo, Giuseppe Zangla, Piero lai Leo, Emilio Arcuri, Franco Miceli, Antonino Scimemi, Filippo Salvia, Benedetto Adragna, Domenico Giannopolo, Vincenzo Guarnera, Manlio Mele, Bartolo Pellegrino, Gianfranco Zanna.

DATA E LUOGO 25 Giugno 1999 c/o Dipartimento di Storia e Progetto nell'Architettura - Palermo.

SINTESI Un confronto fra urbanisti, docenti, studenti e amministratori sui problemi del territorio e dell'urbanistica in Sicilia. Sono stati sottolineati i guasti portati dall'abusivismo e le carenze di programmazione e controllo della Regione e dei Comuni. Sono state fornite delle proposte alle istituzioni regionali e locali.

6. TITOLO "Per Ignazio Buttitta nel centesimo Anniversario della nascita"

PARTECIPANTI Salvatore Morinello, Giovanni Buffino, Gianni Parisi, Francesco Renda, Gian Luigi Beccaria, Franco Brevini, Giuseppe Gia~Tizzo, Natale Tedesco, Rosa Casapullo, Maria Lampiasi, Flora Di Legami, salvatore D'Onofrio, Antonio Maria Di Fresco, Sebastiano Vecchio, Vincenzo Lo Cascio, Nino De Vita, Salvatore Claudio Sgroi, Nara Bernardi, Stefano Montes, Fernando Gioviale Rosa Maria Monastra, Salvatore Silvano Nigro, Guido Nicastro, Franco Lo Piparo,

DATA E LUOGO dal 15 al 19/12/99 c/o Biblioteca centrale della Regione siciliana - Palazzo Steri - Palermo; c/o Civica Galleria "Renato Guttuso" Bagheria.

SINTESI: Una manifestazione svoltasi per quattro giorni fra Palermo e Bagheria con la presenza di qualificati docenti e critici letterari per ricordare l'opera di un grande poeta popolare siciliano: Ignazio Buttitta che nella sua opera politica ha riflesso la Sicilia che ha lottato per la giustizia sociale e contro la mafia.

Il Presidente
Gianni Parisi

asud'europa
Progetto educativo antimafia
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
14 Ottobre 2017 | Commenti (0) | Parti video 16

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam T5FUQ
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica
Sito web realizzato da