La Torre denuncia la disastrosa gestione dei beni confiscati

Cultura | 28 febbraio 2021
Condividi su WhatsApp
Lo Stato non conosce, nella sua interezza, il patrimonio confiscato negli anni alle mafie e non è, così, in grado di gestirlo, di riconvertirlo a bene economico per la collettività, di mettere a frutto per il meglio quanto, nel corso decenni, le cosche a tutte le latitudini dello Stivale hanno illegalmente guadagnato. Il libro-denuncia di Franco La Torre, Domenico Morace, Elio Veltri, edito da Paper First by Il Fatto Quotidiano, accende un faro su ‘L’oro delle Mafie’, sui disastri della gestione affidata all’Agenzia dei beni sequestrati e confiscati, sul fallimento di una classe dirigente che, a valle della legge Rognoni-La Torre, si disinteressa di queste ingenti ricchezze, tornate nella disponibilità  della collettività, vanificando perfino il valore meritorio dell’azione delle forze di polizia che, investigazione dopo investigazione, quei patrimoni ha portato alla luce. Non solo storie negative, tuttavia, quelle raccolte in ‘L’oro delle Mafie’, ma vi sono esempi di gestione virtuosa all’interno di un Paese ‘bizzarro’, l’Italia, che forse non vuole che ‘la robba’ diventi di tutti e preferisce lasciarla in mano a pochi.
 di Giuseppe De Simone

« Articoli precedenti

Progetto educativo antimafia 2020-2021
L'educazione civica torna a scuola
asud'europa
Assessorato Beni Culturali
Archivio digitale Pio La Torre
MIUR
Donaci il 5x1000
Iscriversi al Centro Pio La Torre
News en
Europe 4 all
Amoru
Europe 4 all
RASSEGNA VIDEO
12 Gennaio 2021 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam GODMD
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
La Marcia di Pio
Memoria fotografica