Contrasto ai cambiamenti climatici, Italia lontana dai target europei

Società | 10 luglio 2019

In tema di risorse energetiche e contrasto ai cambiamenti climatici, l’Italia si discosta dall’Unione europea nel suo complesso in relazione al raggiungimento degli obiettivi in materia, previsti dalla strategia Europa 2020. Tenuto conto che tali obiettivi prevedono la riduzione del 20% delle emissioni di CO2, la produzione di energia da fonti rinnovabili al 20% e il miglioramento del 20% dell’efficienza energetica, a un anno dal termine della strategia l’Italia ha raggiunto i target nazionali sulla percentuale di energie rinnovabili e sull’efficienza energetica, ma non su quelli legati alle emissioni di CO2 (ridotte di meno del 16%). L’Unione europea nel suo complesso, invece, si è allineata solo all’obiettivo sulle emissioni di gas serra (- 21,66% nel 2017). Nel nostro paese, così come è avvenuto nel resto dell'Unione, le emissioni di CO2 sono diminuite a seguito della crisi economica iniziata nel 2008, ma non abbastanza da raggiungere il target fissato. Al contrario, l’obiettivo nazionale sulla quantità di energia da fonti rinnovabili, pari a una quota del 17%, è stato centrato già nel 2014, in seguito al sensibile aumento del ricorso a fonti di energia pulita tra il 2011 e il 2012. Addirittura nel 2017 la percentuale di energia da fonti rinnovabili in Italia è stata del 18,27%. Per quanto concerne l’efficienza energetica, il nostro paese ha conseguito il proprio obiettivo nazionale già nel 2012. Dal 2008 il consumo si è ridotto anche a causa della crisi economica che ha investito pure l’Italia in quegli anni. Basti pensare che nel 2017 l’impiego di energia primaria rispetto al 2008 è diminuito di oltre il 15%, ma il livello più basso di consumo di energia si è registrato nel 2014. Da quell’anno il dato ha ripreso a salire, come anche nell’Unione europea, sebbene entro i limiti dell’obiettivo nazionale.

Come accennato, l’Unione europea nel suo complesso ha raggiunto solo l’obiettivo sulle emissioni di CO2, anche per via della crisi economica che ha ridotto la produzione industriale. Sono, però, solo 15 i paesi, considerati singolarmente, ad aver centrato l'obiettivo e tra questi, come visto, non compare l’Italia. Non si è, invece, raggiunta a livello europeo la quota di energia rinnovabile fissata dalla strategia Europa 2020. Per tale traguardo mancano ancora 2,5 punti percentuali, considerato che la percentuale di rinnovabili nel 2017 è stata pari a 17,52%. Sicuramente sono stati fatti passi avanti nel corso degli anni se si considera che, come riportato da Openpolis sulla base di dati Eurostat, l'Unione europea è riuscita a raddoppiare la percentuale di energia rinnovabile rispetto al 2004 (8,53%). Tale risultato è dovuto soprattutto agli sviluppi tecnologici e all'abbassamento dei costi dei sistemi di energia rinnovabile. Il paese più virtuoso è la Svezia (54,5% di fonti di energia rinnovabile), mentre quelli con percentuali di rinnovabili inferiori al 10% sono Cipro, Belgio, Malta, Olanda e Lussemburgo. Ovviamente tali differenze sono da ricondurre alla disponibilità di risorse naturali nei territori, oltre che alle politiche adottate in materia. Ancora più lontano è l’obiettivo dell’UE sul miglioramento del 20% dell’efficienza energetica entro il 2020 che, in termini assoluti, si traduce nel limite massimo di consumo di 1483 Mtoe (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio). Addirittura, a partire dal 2014 il consumo di energia primaria è costantemente aumentato. I paesi che hanno centrato l’obiettivo nazionale sono solo 12, mentre 7 sono vicini a questo traguardo. Coloro maggiormente distanti dai parametri fissati sono Francia e Germania.

Le politiche in materia di tutela ambientale, al fine di produrre gli effetti sperati, non possono avere “confini politici”. È necessario che tutti gli stati, non solo quelli europei, adottino delle strategie appropriate. In questa direzione sembra muoversi l’accordo di Parigi del 2015, il primo trattato sul clima universale e giuridicamente vincolante.  




 di Alida Federico

« Articoli precedenti

asud'europa
Iscriversi al Centro Pio La Torre
Progetto educativo antimafia
Europe 4 all
Viaggio per la Memoria
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
28 Maggio 2019 | Commenti (0) | Parti video 16

27 Aprile 2019 | Commenti (0) | Parti video 5

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam QPZYC
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica