Progetto educativo antimafia 2023-2024

Progetto Educativo Antimafia 2023-2024

Il Centro, attento ai cambiamenti recenti, come di consueto rinnova per il 18° anno nei contenuti il Progetto Educativo per l’anno scolastico 2023-2024, rivolto alle scuole medie secondarie di secondo grado, mantenendo un approccio che unisce analisi dell’evoluzione giurisprudenziale, sociologica, storica e politica del fenomeno mafioso e gli obiettivi di adeguamento a livello nazionale e internazionale.
Con l’arresto del boss Matteo Messina Denaro, avvenuto dopo 30 anni di latitanza, si formalizza un importante passaggio generazionale all’interno di Cosa Nostra,  che avrà sicuramente conseguenze sulle organizzazioni mafiose a livello nazionale. Inoltre si registra un nuovo innalzamento dell’utilizzo del mercato della droga come fonte di arricchimento da parte delle mafie.

La videoconferenza, che si basa sull'ormai collaudata piattaforma 3CX Webmeeting, permette di  raggiungere contemporaneamente tutte le scuole aderenti e  mettere a confronto gli studenti di tutta Italia che avranno la possibilità di interagire in diretta nei dibattiti che, come consueto, scaturiscono dopo le conferenze dei relatori. Il sistema in uso, si è infatti integrato alla perfezione con gli strumenti della didattica a distanza in uso  dalle scuole. E’ comunque intenzione del Centro Studi, monitorare l’aspetto del video collegamento, allo scopo di migliorare la qualità del prodotto didattico erogato.  Inoltre la sala riunioni e la biblioteca presso la sede sono attrezzate per ricevere i gruppi di studenti secondo le vigenti normative.

Il Centro si premurerà di curare prima di ogni videoconferenze: la raccolta di materiale didattico video (10 minuti max videoregistrata dagli esperti); l’invio di tale materiale ai docenti delle scuole aderenti per preparare l’incontro; la raccolta delle domande scritte o videoregistrate dagli studenti, alle quali sarà data risposta dagli esperti durante la videoconferenza.
Sarà somministrato a quanti aderiranno al Progetto Educativo, il questionario online e anonimo  per l’annuale indagine sulla percezione del fenomeno mafioso da parte degli studenti. I risultati dell’indagine, esaminati da un comitato scientifico, saranno pubblicati prima del 30 aprile 2024.

Sarà riconfermato lo spazio agli studenti attraverso la  sezione della rivista riservata ai giovani (Asud’Europa Junior). Uno spazio redatto interamente dai ragazzi, affinché possano esprimersi e dire la loro sulle tematiche sociali che li circondano. Lo scopo di questa sezione infatti è, sia quello di sentire la loro voce che molto spesso non è presa in considerazione, sia quello di incanalare una rete interna di comunicazione tra gli stessi, “trasformando” un semplice articolo in una vera e propria discussione tra alunni e scuole siciliane e del resto della penisola, che non hanno mai avuto la possibilità di incontrarsi. Gli studenti, opportunamente guidati, potranno liberamente utilizzare e rappresentare i testi teatrali stampati dal Centro Studi Pio La Torre, “Orgoglio di Sicilia” di Vincenzo Consolo, “Fango” di Gabriello Montemagno, “Dalla pare giusta” di Gianfranco Perriera, al fine della produzione di una performance che li rappresenti. La partecipazione al Progetto è gratuita. 

Sono previste cinque videoconferenze introdotte e moderate dagli esperti e accademici del comitato scientifico del Centro, da rappresentanti istituzionali sui seguenti temi:

Tutte le conferenze si terranno dalle ore 9 alle ore 11,30

  • giovedì 26 ottobre 2023 : “La mutazione delle mafie nel XXI° secolo”

Relatori: Salvatore LUPO - storico, Enzo CICONTE - storico, modera Vito LO MONACO - presidente emerito Centro Studi Pio La Torre

  • lunedì 27 novembre 2023:  “L’Italia è un paese per giovani? Economia, sviluppo sostenibile, crisi climatica e lotta contro la precarietà nella prospettiva della legalità.

Relatori: Prof. Ernesto SAVONA - direttore Transcrime, Emilio MICELI - responsabile delle Politiche della Legalità della CGIL; modera Franco GARUFI - vicepresidente Centro Studi Pio La Torre

  • giovedì 18 gennaio 2024:  “Cybercrime  e traffico di droga - vecchie e nuove frontiere della criminalità organizzata”
Relatori : Dott. Antonio BALSAMO - giudice Corte di Cassazione, Dott.ssa Concetta LOCURTO - esperta giuridica presso la Rappresentanza permanente italiana a Vienna, Nino ROCCA - Centro Siciliano di Documentazione Giuseppe Impastato;  modera Loredana INTROINI presidente Centro Studi Pio La Torre
  • mercoledì 28 febbraio 2024:   “Violenza di genere nella società civile e nelle organizzazioni mafiose”
relatori: Prof.ssa Alessandra DINO - sociologa; Nicoletta COSENTINO fondatrice “Cuoche Combattenti”;  Monica GENOVESE - avvocato, modera Vito LO MONACO presidente emerito Centro Studi Pio La Torre
  • martedì 12 marzo 2024:  “Mafia, antimafia e i media”
relatori: Giuseppe GIULIETTI - giornalista portavoce Articolo 21 ;  Lara SIRIGNANO - giornalista Premio Francese 2024;  modera Franco NUCCIO - ANSA Sicilia

Ad aprile 2024 si terrà la manifestazione in occasione del   “42° Anniversario dell'uccisione politico-mafiosa di Pio La Torre e Rosario di Salvo"
Auspichiamo la vostra adesione al percorso del Progetto Educativo Antimafia del Centro consapevoli del lavoro che le Scuole fanno per fornire ai giovani la conoscenza critica del fenomeno mafioso e della sua complessità.

PREMIO “ANGELO MELI”
BANDO DI IDEE SULLA CITTADINANZA ATTIVA
scadenza 24 marzo 2024

Documenti


I progetti degli anni passati