Tra sanità, mafia problemi di cuore e un possibile riscatto

Cultura | 24 novembre 2020
Condividi su WhatsApp


Una figura del passato. Una conoscenza legata all’età felice della gioventù, e che riaffiora all’improvviso, apre al giornalista Natale Banco squarci inquietanti. Siamo a Catania e in ballo ci sono stent cardiaci scaduti, un traffico illecito di organi umani e la morte di quattro cardiopatici. Uno scenario di sanità collusa con la mafia tra cattiva politica, corruzione e disprezzo nei confronti dei più deboli. Il romanzo s’intitola “Un cuore per la signora Chimento” ed è il nuovo libro dello scrittore e giornalista catanese Gianni Bonina, nota firma culturale di molte testate. Il romanzo è stato pubblicato da Marlin editore (collana Il Portico, www.marlineditore.it), la casa editrice di Tommaso e Sante Avagliano.

Una somiglianza con Robert De Niro, una moglie andata via troppo presto, un rapporto ambivalente con il figlio ventenne e una propensione a essere indipendente e libero, risultando non gradito a editori e poteri forti, sono le caratteristiche prevalenti di Natale Banco, cronista del quotidiano “La Tribuna” e di Adnkronos. Bonina lo descrive con una scrittura elegante, capace di combinare analisi sociale e sguardo letterario su una Catania ambigua, tra rivelazioni interiori e un giallo che si legge in un crescendo appassionante. Attorno a Natale Banco, spiccano una serie di personaggi che rimangono impressi: dall’avvenente ma infida Nina all’ex barbona e vicina agli ultimi Rosa Bartolotta e alla cronista promettente Mariù. Sfilano in particolare i volti di potenti senza scrupoli ma l’autore affida al giornalismo l’occasione per riscattarsi dalle connivenze e contribuire al prevalere, insperato, della giustizia.

Con perizia, Bonina sviluppa il racconto avvalendosi di una scrittura ricca di ritmo e complessa sul piano psicologico, in un’immersione acuta nel ventre di una Catania avvelenata da collusioni e malaffare. Nello stesso tempo, non mancano i dettagli poetici, come l’abitudine del protagonista di fotografare l’Etna e i suoi quotidiani mutamenti: «Natale Banco (...) rimase impressionato a vedere da casa il vulcano rosarsi e farsi come celestiale. Era successo molte altre volte e ne conservava le foto, ma mai nei toni propri di un delicato pastello che gli ricordava la pittura di Piero Guccione, l’artista siciliano che più amava con Fiume e Gianbecchina. (…) Chiamò Marco perché godesse anch’egli del fenomeno, e il figlio gli si mise al fianco guardando il Mongibello che pareva essersi avvicinato di colpo e si potesse toccare».

È fatto anche di questi tasselli inattesi il romanzo “Un cuore per la signora Chimento”, senza perdere di vista l’intreccio narrativo e la riflessione su chi detiene con ogni mezzo il potere. Bonina ha creato personaggi seriali destinati a rimanere nel tempo.



« Articoli precedenti

Progetto educativo antimafia 2020-2021
L'educazione civica torna a scuola
asud'europa
Assessorato Beni Culturali
Archivio digitale Pio La Torre
MIUR
Donaci il 5x1000
Iscriversi al Centro Pio La Torre
News en
Europe 4 all
Amoru
Europe 4 all
RASSEGNA VIDEO
12 Gennaio 2021 | Commenti (0) | Parti video 1

21 Dicembre 2020 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam KFVVW
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
La Marcia di Pio
Memoria fotografica