Tracolli politici ed emotivi nell'Ungheria che fu

Cultura | 26 agosto 2015
Condividi su WhatsApp

Tracolli politici ed emotivi nell'Ungheria che fu

 

Il romanzo di raro nitore di Miklˇs Vajda, edito da Voland. Un ritratto della madre che solo negli Usa trov˛ pace e libertÓ

 

Pubblico e privato, voilÓ, dev'essere... autofiction. La sofferenza dell'Ungheria, dalla seconda guerra mondiale in poi (tra croci frecciate, comunismo e post-comunismo), e una madre e un figlio ľ la nobile Judit Csermovics e l'intellettuale Miklˇs Vajda ľ separati dalla storia. Con ôRitratto di madre, in cornice americanaö (189 pagine, 15 euro), in italiano grazie alla traduttrice Andrea RÚnyi, la casa editrice Voland si regala e regala un nome che non stona in compagnia dei pi¨ belli della letteratura magiara di oggi, Gyorgy KonrÓd, Peter NÓdas, PÚter Esterhßzy, Imre KertÚsz, Giorgio Pressburger (italiano e ungherese, limpidi e insuperati i suoi primi racconti). Di quella pasta dimostra d'esere Miklˇs Vajda, classe 1931, traduttore e saggista di lunghissimo corso, narratore in tarda etÓ, quasi ottuagenario, con un volume che intreccia inestricabilmente avvenimenti politici e vicende personali, e possiede uno stile di raro nitore.

Lo spartiacque fatale delle esistenze dell'autore e della madre Ŕ il 1956. Lei fugge negli Stati Uniti, necessitÓ personale di salvezza lui resta in patria, scelta civile, pi¨ pubblica c he privata. Solo oltre mezzo secolo dopo Miklˇs Vajda proverÓ a comprenderla, a giustificarla e a condannarla per quella scelta di cui lei andava molto fiera, stabilirsi oltre Oceano, a costo di distaccarsi dagli affetti. Le guerre mondiali, le persecuzioni degli ebrei (ebreo era il marito Íd÷n Vajida, avvocato e consigliere economico degli Asburgo), i comunisti al potere fanno a pezzi di volta in volta velleitÓ aristocratiche, aspirazioni ôimprenditorialiö (aveva aperto un bar) e voglia di restare della donna, a lungo protetta da una grande amica, l'attrice Gizi Bajor, icona d'Ungheria fino agli anni Cinquanta (in appendice al memoir ci sono alcune lettere della Bajor, che intercede presso i dittatori comunisti).

Il lettore la ritrova in America, porto sicuro dove s'Ŕ stabilita, preferendo inseguire lý la libertÓ e la rinascita personale; pochi significativi incontri, prima negli Stati Uniti, poi di ritorno a Budapest, fra madre e figlio. A New York Miklˇs la ritrae modesta e umile, seppure a testa alta con qualche piccolo vezzo d'antica memoria, ma soprattutto desiderosa di dimostrare che ha fatto bene ad andar via, a scegliere la terra delle opportunitÓ. Vajda va a caccia del senso della propria vita a partire dal rapporto ľ tra affetto, rigore e distacco ľ con la madre, dai tracolli delle loro esistenze.

 di Salvatore Lo Iacono

« Articoli precedenti

Progetto educativo antimafia 2020-2021
L'educazione civica torna a scuola
asud'europa
Assessorato Beni Culturali
Archivio digitale Pio La Torre
MIUR
Donaci il 5x1000
Iscriversi al Centro Pio La Torre
News en
Europe 4 all
Amoru
Europe 4 all
RASSEGNA VIDEO
24 Febbraio 2020 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam HBZ2E
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
La Marcia di Pio
Memoria fotografica