asud'europa
Settimanale di politica, cultura ed economia

Cerca fra i titoli Frase esatta

Carissima Scuola
Anno 5 N.31 - 12 settembre 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Tito Boeri, Enzo Borruso, Mimma Calabrò, Andrea Cammilleri, Mario Centorrino, Giusy Ciavirella, Federico Cingano, Piero David, Antonella Filippi, Max Firreri, Michele Giuliano, Franco La Magna, Diego Lana, Pino Lanza, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Patrizia Mannino, Raffaella Milia, Luigi Oliveri, Chiara Pane, Vito Parisi, Antonio Emanuele Piedimonte, Alessio Pisanò, Angelo Pizzuto, Alfonso Rosolia, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Elio Sofia, Maria Tuzzo, Delia Vaccarello.

  • Il monito inascoltato di Napolitano;
  • Istruzioni d'uso per sopravvivere al caro-libri. Nell'era digitale la carta costa sempre di più;
  • Il caro-libri domina in una scuola su due. La legge lo vieta, nessuno la rispetta;
  • Ricominciamo dalla scuola;
  • Nel segno dell’incertezza;
  • La scuola italiana: banco di prova nell’autunno caldo della crisi;
  • A scuola contro l’omofobia;
  • Istat: 1,5 mln di lavoratori “scoraggiati”. Colpiti soprattutto Sud e donne;
  • Chi trova un amico trova un lavoro;
  • “Manovra ingiusta e irresponsabile”. Sciopero Cgil in cento piazze italiane;
  • I numeri della manovra finanziaria;
  • Il tirocinio formativo ora è più difficile;
  • La crisi del nostro sistema politico;
  • Chi è da bocciare? I manager sanitari o la politica;
  • Le parole che mancano ai cattolici;
  • Il moderno dilemma della mafia: anatomia di un passaggio di poteri;
  • Allarme rosso in Sicilia per le morti sul lavoro. Nei primi 8 mesi del 2011 già 34 decessi;
  • Paradigmi a confronto;
  • Dilaga la prostituzione minorile anche in Italia. Save the Children: in casa più che in strada;
  • L’Europa ai politici italiani: basta razzismo. Il monito di Hammarberg: rispettate i diritti;
  • Da Marsala a Torino in bicicletta. Igor e l’Italia riunita su due ruote;
  • Quando in mare c’era il luntro: storia leggendaria delle barche;
  • Pirandello contro il Gattopardo;
  • Sergio Attanasio racconta la vera storia delle macchine anatomiche esposte a Napoli;
  • Aiuto ai rifugiati e lotta alla carestia. L’Ikea dona 62 milioni di dollari;
  • Giovani autori siciliani protagonisti a “Corti in Cortile”;
  • “Ben Hur” di Gianni Clementi a Taormina;
  • Quando la Chiesa scomunicò il Risorgimento;
  • La mala Inghilterra della Signora Thatcher;


Ricchi di debiti
Anno 5 N.30 - 5 settembre 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Pino Apprendi, Luca Bianchi, Luigi Bonanate, Enzo Borruso, Mimma Calabrò, Dario Carnevale, Dario Cirrincione, Riccardo De Gennaro, Paolo Di Paolo, Franco Garufi, Michele Giuliano, Giuseppe Giulietti, Silvia Iacono, Franco La Magna, Salvatore Lo Iacono, Vito Lo Monaco, Umberto Lucentini, Davide Mancuso, Daniele Martini, Raffaella Milia, Giuseppe Nicoletti, Ottavio Olita, Mario Portanova, Concetto Prestifilippo, Sergio
Rizzo, Piero Santi, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Mila Spicola, Livia Turco, Maria Tuzzo.

  • Un governo contro l’Italia;
  • Storia del debito pubblico italiano. Un “mostro” da 2000 miliardi di euro;
  • Il Generale Agosto e la maionese impazzita;
  • Il trucco del Piano Sud;
  • Trombati alle urne, promossi a vertici societari. La Casta degli enti e consorzi costa 7 miliardi;
  • Costi della politica, in Italia il record europeo. Oltre 500 mila gli amministratori in busta paga;
  • Sud sempre più povero ma sprecone. Lo scandalo dei fondi Ue mai spesi;
  • Corruzione, evasione, racket e mafia. I 330 miliardi che lo Stato non vuole;
  • “Una manovra inefficace e iniqua”. La Cgil in piazza il 6 settembre;
  • La scuola va a rotoli. Noi non ci stiamo;
  • Con l’Anpi contro l’abolizione del 25 Aprile del 2 Giugno, del Primo Maggio;
  • Una manovra solo di tagli che azzera la dignità sociale;
  • Sicilia, si blocca la riforma delle Asi. Venturi: sono soltanto carrozzoni clientelari;
  • Il Pm Paci: non abbandoniamo i pentiti;
  • Dacia Maraini: «C’è un’Italia diversa. Molti credono in un’etica pubblica»;
  • “Il nuovo codice antimafia fa regali ai boss”. Lumia: a rischio pure le confische dei beni;
  • Chiosa Nostra;
  • Dal Trentino alla Valle del Belice per una vacanza all’insegna della legalità;
  • Dal vino al glucosio al miele taroccato. In aumento i prodotti alimentari contraffatti;
  • L’Ucciardone delle vergogne;
  • Parkinson e Sindrome di Down. Se l’isolamento è peggio della malattia;
  • Goletta Verde, l’allarme di Legambiente: Un punto critico ogni 51 chilometri di costa;
  • La rete per l’infarto e la riforma sanitaria in Sicilia;
  • Il Sud arranca e frena lo sviluppo dell’Italia. Dal 2008 nel Mezzogiorno il Pil giù del 5,3%;
  • Dieci anni dopo la strage delle Torri Gemelle. Il fallimento della strategia di al-Qaeda;
  • Viandanti on the road lungo la Penisola. Brizzi e il suo eterno romanzo sull’amicizia;
  • La Sicilia svelata da immagini al femminile. Leone racconta il mistero della donna;
  • Dopo “Quadri d’inchiostro”, “Psicomosaici”. Umane passioni nei versi di Giuseppe Leone;
  • Jorge Amado: confesso che ho vissuto. In memoria del cantore di Bahia;
  • «Sono il fattorino ecologico, vado in bici»;
  • Arrivano i mostri;


Massoni a tre punte
Anno 5 N.29 - 1 agosto 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Gianni Barbacetto, Enzo Borruso, Mimma Calabrò, Giusy Ciavirella, Dario Cirrincione, Claudio Fava, Michele Giuliano, Angelo Guglielmi, Franco La Magna, Diego Lana, Giuseppe Lanza, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Anna Maria Lorusso, Davide Mancuso, Giuseppe Nicoletti, Salvo Ricco, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Simonetta Trovato, Maria Tuzzo, Giorgio Vaiana, Pietro Vento.

  • Una banca dati sui delitti politici;
  • Comitato d’affari, setta o centro di potere? Viaggio al centro della Massoneria italiana;
  • Le due anime del Grande Oriente d’Italia obbligate a rimanere separate in casa;
  • “L’Agenzia cabina di regia per le confische”. La ricetta del prefetto Caruso, nuovo direttore;
  • Loggia P4, l’orgetta del potere;
  • L’Ue all’Italia: entro l’anno spendere 2,8 mld o i soldi andranno persi, la Sicilia in ritardo;
  • Lagalla: “Più tasse ma migliore didattica”;
  • Test d’ingresso a Medicina, spreco di capitale umano;
  • Cnel, i giovani pagano i costi della crisi. Disoccupazione giovanile al 25% nel Sud;
  • Le nuove vie del Terzo settore: obbligazioni a impatto sociale;
  • I punti nascita in Sicilia e la riforma Russo;
  • Lavoro nero, allarme rosso in Sicilia. Fuori norma un’azienda agricola su due;
  • Far crescere la comunità cittadina per il buon governo delle città;
  • Chiusa la telenovela Tirrenia, passa alla Cin. Sulla cessione pende il rischio impugnazione;
  • Karl Marx, umorista e beffardo. Leggete il suo romanzo giovanile;
  • Ventagli d’amicizia e mercimonio di ossa;
  • Magia di note sul mare di Palermo. Sting è sul palco, si ripete l’incanto;
  • La tv d’estate, un viaggio postmoderno. “Da da da”, ci fa rivedere, ci fa ritrovare;


Sotto tutela
Anno 5 N.28 - 25 luglio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Mimma Argurio, Rossella Battisti, Rita Borsellino, Jolanda Bufalini, Gemma Contin, Vittorio Emiliani, Pietro Franzone, Marco Gambaro, Franco Garufi, Antonella Giovinco, Franco La Magna, Giuseppe Lanza, Vito Lo Monaco, Marcello Longo, Davide Mancuso, Concetto Prestifilippo, Riccardo Puglisi, Alessandro Rosina, Gilda Sciortino, Manuela Trinci, Livia Turco, Giorgio Vaiana.

  • Il Codice Antimafia favorisce i boss;
  • Patrimoni dell’umanità, ma in malora. Lo strano destino dei tesori siciliani;
  • Ma come stanno in salute i siti siciliani “Patrimonio dell’Umanità”?;
  • Tra rifiuti, erbacce e costruzioni abusive. Spiccano i tesori dell’arte siciliana;
  • Kamarina rischia di sbriciolarsi. Colpa dell’erosione della costa e dell’uomo;
  • Sicilia, gran business delle ecomafie;
  • Fondi europei, si spende poco e male;
  • Così si modifichi il Codice Antimafia. Gli emendamenti proposti dalle associazioni;
  • Campofelice di Roccella, forum di legalità nel nome di Paolo Borsellino;
  • Una manovra finanziaria dissanguante che peserà su Regioni ed enti locali;
  • Una finanziaria senza giustizia e senza carità;
  • Aiutare i giovani a guardare lontano;
  • Immigrati detenuti per 18 mesi contro Costituzione e rispetto umano;
  • Profumi, sapori e luoghi indimenticabili. La rivista siciliana sul turismo gastro-culturale;
  • Il ministero dei Beni Culturali come un deserto. Mancano i soldi, signori, fra tre anni si chiude;
  • La “dissolvenza” degli archivisti. Nel 2016 quasi tutti in pensione;
  • Giovanni Chiappisi fa il bis e vola su Amazon. "Il villaggio che non c'è", nato su Facebook;
  • L’informazione comprata con la pubblicità;
  • Nina, bimba escort del fast sex. A 13 anni si vende a scuola e sul web;
  • Judith Malina: come fare la rivoluzione non violenta? È solo organizzazione...;
  • Un minaccioso lascito paterno: “L’erede” di Michael Zampino;


Una strage da rivedere
Anno 5 N.27 - 18 luglio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Salvatore Borsellino, Enzo Borruso, Mimma Calabrò, Nicola Cipolla, Dario Cirrincione, Franco Garufi, Salvo Gemmellaro, Michele Giuliano, Franco La Magna, Mario Leombruno, Sara Li Donni, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Umberto Lucentini, Davide Mancuso, Giuseppe Martorana, Filippo Passantino, Elisa Ricciuti, Virginio Rognoni, Luca Romano, Emanuela Rotondo, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Fabrizio Tediosi, Nicola Tranfaglia, Maria Tuzzo, Pietro Vento.

  • La politica delle stragi necessarie;
  • Via D’Amelio ancora senza colpevoli. Tutto da rivedere a 19 anni dalla strage;
  • Le Agende Rosse a Palermo nel nome di Paolo Borsellino;
  • “Roma contro tutte le mafie”. Al Pantheon manifestazione per la legalità;
  • L’appello del pm antimafia Antonio Ingroia: «Nuove leggi per togliere i soldi ai boss»;
  • Arriva in libreria “Giovanni Falcone” biografia a fumetti di uno “straniero in patria”;
  • L'allarme della Dna su giochi e scommesse. "È la nuova frontiera delle cosche mafiose";
  • Dalle slots alle sale Bingo e alle scommesse. Così la criminalità ricicla i capitali sporchi;
  • Stato, mafia e classe politica;
  • Cave, in Sicilia è tutto gratis;
  • Mafia e antimafia a Vibo Valentia;
  • Dal ticket sanitario ai Fondi Fas. Una manovra che penalizza il Sud;
  • Osservatorio della Fondazione Res: la crisi colpisce le famiglie e le imprese;
  • Burocrazia e minacce strangolano le cooperative antimafia casalesi;
  • Uno spazio libero per artigiani e artisti. Alab, oasi d’arte nel cuore di Palermo;
  • Non si retroceda dalla strada tracciata dalla Rognoni-La Torre;
  • Assistenza sanitaria senza frontiere;
  • Risparmiare in Sanità, a costo della vita e della salute?;
  • Dopo il no-nuke, è ora di agire;
  • Uno spassoso lessico famigliare ebraico, un “unicum” di Anau tra Storia e ricette;
  • "Voi li chiamate clandestini". Un libro smonta la falsa retorica dell'invasione;


L’assalto dei consulenti
Anno 5 N.26 - 11 luglio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Enzo Borruso, Mimma Calabrò, Dario Cirrincione, Gemma Contin, Daniele Fano, Salvo Gemmellaro, Michele Giuliano, Franco La Magna, Diego Lana, Pino Lanza, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Franco Nicastro, Filippo Passantino, Livio Pepino, Diego Perugini, Francesca Pistoia, Roberto Puglisi, Luciano Rizzuti, Stefano Santachiara, Pierangelo Sapegno, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Simonetta Trovato, Maria Tuzzo, Pietro Vento.

  • Le modifiche necessarie al Codice antimafia;
  • L’esercito degli esperti della Regione. Una carica da un milione e duecentomila euro;
  • Società consortili dei rifiuti, un incerto destino. Ars pronta ad una nuova riforma entro l’anno;
  • Il modello più conveniente di gestione del Comune;
  • La calda estate palermitana e l’ebollizione della politica;
  • Messina Denaro, così invecchia il Diabolik di Cosa Nostra;
  • Nel 2010 tre morti sul lavoro al giorno. Rapporto Inail, in aumento morti “rosa”;
  • I giovani falcidiati dalla recessione. Al Sud uno su due è senza lavoro;
  • Lavoro, una bomba pronta a esplodere. La Cgil punta il dito contro la Regione;
  • La disuguaglianza dopo la crisi;
  • Carceri, una vergogna italiana. Si può e si deve voltare pagina;
  • Istituito il garante per l’infanzia e l’adolescenza;
  • La nostra infanzia e gli ospedali siciliani;
  • Campi e laboratori di legalità e antimafia organizzati dall’Arci in Toscana;
  • L'Italia delle fortune dimenticate nel comò;
  • Le stragi naziste dopo l’armistizio, 9 ergastoli. Nessuno pagherà, ma la storia è scritta;
  • l Partito comunista era il diavolo, la Chiesa cattolica l’acqua santa;
  • Centouno storie di mafia mai raccontate. In un libro miseria e nobiltà di Cosa Nostra;
  • Noa, Joe Cocker, Boy George. Presentato il cartellone del Mito 2011;
  • “Cars 2”, deludente sequel fracassone e complicato;
  • Cuori in tumulto prima dell’Italia unita. È nato un maestro dell’affabulazione, Mari;
  • L’esercito siciliano della solidarietà. Oltre 46 mila i volontari nell’Isola;
  • «Sveglia Italia! È il momento di ribellarsi». Battiato porta in tour Up Patriots To Arms!;
  • Da Plauto a De Gregori, riflettori su Segesta Via alla stagione del Teatro Antico con 2 albe;
  • La musica che ti porta a casa;


Osservazioni al Codice antimafia
Anno 5 N.25 - 4 luglio 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Antonio Balsamo, Gemma Contin, Donatella Ferranti, Vito Lo Monaco, Francesco Menditto, Raffaella Milia, Piergiorgio Morosini, Calogero Gaetano Paci, Luca Palamara, Vittorio Teresi

  • Così sparisce la Rognoni-La Torre;
  • Il nuovo Codice Antimafia: cosa manca e cosa ci vorrebbe;
  • Il Codice antimafia tra luci e ombre;
  • Serviva un Codice antimafia, è arrivato il codice Alfano;
  • Le anomalie non risolte delle procedure di confisca;
  • Il valore simbolico dell’art. 416 bis;
  • L’ennesima occasione perduta;
  • Autoriciclaggio e confische. Inalterato il divario con le norme Ue;
  • Lacune giudiziarie nei rapporti mafia-politica. Non è ancora reato chiedere voti ai mafiosi;


Caccia alle case fantasma
Anno 5 N.24 - 27 giugno 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Mimma Calabrò, Giusy Ciavirella, Nando Dalla Chiesa, Alida Federico, Max Firreri, Pietro Franzone, Salvo Gemmellaro, Michele Giuliano, Franco La Magna, Pino Lanza, Salvatore Lo Iacono, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Daniela Marchesi, Roberto Natale, Giuseppe Nicoletti, Filippo Passantino, Francesca Pistoia, Francesca Scaglione, Gilda Sciortino, Elio Sofia, Simonetta Trovato, Alessandra Turrisi, Maria Tuzzo, Giorgio Vaiana, Pietro Vento, Laura Zanfrini.

  • Il manutengolismo, da Franchetti a Sciarrone;
  • Una Regione di immobili fantasma. Oltre 400.000 le case abusive in Sicilia;
  • Recupero rendita catastale e beni fantasma. Le linee guida dell’Agenzia del Territorio;
  • Seicento le discariche abusive siciliane. Il record a Messina, 250 milioni per sanarle;
  • La mafia dei campi fattura 12,5 miliardi l’anno. In aumento le frodi sui finanziamenti europei;
  • Nelle rinnovabili il futuro energetico siciliano. Forum di esperti al Centro Pio La Torre;
  • La Politica: tra scelte ideali e tatticismi interessati;
  • La marcia in più dei cittadini transnazionali;
  • Testimoni di giustizia, malgrado tutto;
  • Solo 7 stagisti siciliani su 100 trovano lavoro. La Cgil dice basta ai tirocini truffa nell'Isola;
  • Sicurezza nel lavoro e morti bianche. La Cisl lancia uno sportello di denuncia;
  • Il dopo Fiat porta strade, metano, fibre ottiche. I progetti di Venturi per rilanciare Termini;
  • Condoni, da riscuotere ancora 4 miliardi. La Corte dei conti: pagata solo la prima rata;
  • La crescita bloccata dalla giustizia civile lenta;
  • Confcooperative Sicilia: settore regge crisi ma è necessario il rilancio dell’Ircac;
  • Dalla terra di Matteo Messina Denaro si alza il coro dei giovani contro la mafia;
  • Giornalismo bene comune;
  • Scienziati in erba a Villa Filippina a Palermo. “Un mare di scienza”, laboratori per bambini;
  • In fuga dal Vietnam, sulla riva del Canada. Tribolazioni e riscatto degli esuli di Thùy;
  • La meglio gioventù di “Stampo antimafioso”;
  • Dentro l’area grigia: Alleanze nell’ombra;
  • Quando il palcoscenico si infiamma: torna alle Eolie il «Teatro del Fuoco»;
  • L'arte degli architetti siciliani tra le due guerre. Palazzolo svela la nuova Palazzata di Messina;
  • La lotta operaia calca le scene Occupato il Teatro Valle di Roma;
  • Le allegre domestiche del 6° piano e il crepuscolare Angelopoulos;


Corrotti & corruttori
Anno 5 N.23 - 20 giugno 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Giovanni Abbagnato, Guerino Ardizzi, Mimma Calabrò, Dario Carnevale, Daniela Del Boca, Federico d’Imera, Pietro Franzone, Enzo Gallo, Franco Garufi, Salvo Gemmellaro, Maria Grazia Giannichedda, Michele Giuliano, Franco La Magna, Pino Lanza, Salvatore Lo Iacono, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Letizia Mencarini, Filippo Passantino, Carmelo Petraglia, Massimiliano Piacenza, Salvo Ricco, Valerio Rosa, Carla Rumor, Vittorio Sabadin, Gilda Sciortino, Junko Terao, Maria Tuzzo, Giorgio Vaiana, Tobia Zevi.

  • Se prevale il senso della collettività;
  • In aumento il reato di peculato. Corte dei Conti: controlli inefficienti;
  • Ecco dove il crimine fa buoni affari;
  • Il vento della valanga sul centrodestra;
  • In Sicilia le bollette d'acqua più care d'Italia. Ma in molte città rubinetti a giorni alterni;
  • Dalla politica ridotta in basso alla politica che viene dal basso;
  • “Immigrati, non un problema ma una risorsa”. Le associazioni: modificare la normativa;
  • Rapporto del Cnel: la criminalità cinese è sempre più simile alla ‘ndrangheta;
  • Polo multifunzionale di Partinico. Opportunità o minaccia per l’economia locale?;
  • Nuovo attentato contro il sindacalista Liarda. “Non voglio essere né un martire, né un eroe”;
  • L'Aids in Africa diventa pandemia. Servono soldi, ma l'Italia non paga;
  • Una mobilitazione civile per arginare la dispersione scolastica in Sicilia;
  • Salute e sicurezza sul lavoro: La valutazione dello stress lavoro correlato;
  • Montagna Longa e la croce dimenticata;
  • Ospedali psichiatrici giudiziari, lo scandalo. Campagna per chiuderli definitivamente;
  • Un altro passo indietro per le donne italiane;
  • Fukushima come Hiroshima. Torna l’incubo delle radiazioni;
  • La lingua del potere nasce in Germania. Così i nazisti asservirono i cittadini;
  • Bent Parodi, “Tradizione e assoluto”. Ritratto del giornalista e “esoterista sociale”;
  • Se lo champagne allunga la vita a Cechov. L’elegante gioco letterario di Sasportes;
  • Quando Guccini cantava “Only You”;
  • Do you speak Assiro?;
  • “La donna, sorvegliata e punita” di Borruso. La violenza sulle donne tra Chiesa e popolo;
  • Torna il panda guerriero, eterno stereotipo del bene;


AFFARI CRIMINALI
Anno 5 N.22 - 13 giugno 2011

IN QUESTO NUMERO:

articoli e commenti di: Nicola Biondo, Ettore Borghesan, Anna Bucca, Mimma Calabrò, Dario Carnevale, Giusy Ciavirella, Federico Cinti, Dario Cirrincione, Nerina Dirindin, Roberto Galullo, Franco Garufi, Salvo Gemmellaro, Michele Giuliano, Francesco La Licata, Franco La Magna, Diego Lana, Salvatore Lo Iacono, Antonella Lombardi, Vito Lo Monaco, Davide Mancuso, Agnese Moro, Franco Nuccio, Gianluca Nicoletti, Filippo Passantino, Dario Prestigiacomo, Fiorenza Sarzanini, Gilda Sciortino, Gianfranco Teotino, Maria Tuzzo, Pietro Vento.

  • Impegno civile e lotta antimafia;
  • Droga, prostituzione, traffico d’armi e umani. Di 300 miliardi il business mafioso in Europa;
  • Il riciclaggio vale il 10% del Pil italiano. Bankitalia: leggi non bastano, tutti coinvolti;
  • Delitti denunciati nei primi sei mesi del 2010. Milano “capitale” del crimine in Italia;
  • Il jackpot mafioso frutta 30 miliardi;
  • Rifiuti speciali, discariche e riciclaggio. L’Ecomafia fattura 20 miliardi l’anno;
  • La festa della Carovana Antimafie;
  • Dopo le bombe, le balle;
  • Il biglietto da visita della mafia al Nord;
  • Fillea: fondi per opere pubbliche insufficienti. Stanziato il 40% delle risorse necessariie;
  • La povertà in Italia: un problema del Sud;
  • Il vincolo dell’economicità nell’amministrazione dei comuni;
  • Anna Maria Tarantola, vice dg di Bankitalia: “Più donne nei consigli d’amministrazione”;
  • Colossi industriali cercano laureati a Palermo;
  • Mafia e massoneria dietro l’omicidio Rostagno. Il giallo dei due verbali spariti e poi riapparsi;
  • A Roma nasce la prima scuola a pedali. La luce delle aule si accende con i muscoli;
  • Settima edizione del Premio “L’anello debole”. Comunicazione contro l’esclusione sociale;
  • Troppi bugiardi sul memoriale Moro. La figlia: “Chi ha taciuto ora dica la verità”;
  • Gangemi, una storia che scardina l’immutabile. La Calabria del ‘900 tra emigrazione e riscatto;
  • "Sotto un altro cielo?", la memoria dismessa al Museo Riso di arte contemporanea;
  • Decalogo per un calcio senza trucchi;
  • Si riapre il giallo sulla scomparsa di Majorana. Una foto porta i magistrati in Sudamerica;
  • A Palermo il primo “Sicilia Queer Festival”;
  • “La pedata di Dio”, dalla Sicilia a Torino il viaggio di liberazione dalla mafia;
  • Cinema e Risorgimento in Sicilia: dal mito alla storia;


asud'europa
Progetto educativo antimafia
Donaci il 5x1000
RASSEGNA VIDEO
8 Giugno 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

6 Giugno 2018 | Commenti (0) | Parti video 1

« Video precedenti

ISCRIVITI ALLA MAILINGLIST
Nome
Cognome
Email
Codice antispam 6FWF6
Vuoi ricevere "asud'europa"?
 
I dati personali e l'indirizzo di posta elettronica forniti verranno trattati secondo il d.lgs. n. 196/2003 dal Codice Civile sulla tutela dei dati personali
Archivio digitale Pio La Torre
La Marcia di Pio
Memoria fotografica
Sito web realizzato da