Rubrica



Il “nuovo” che avanza, strategie di Cosa nostra dopo il tramonto di Messina Denaro

Il 2023 è stato per la mafia un anno cruciale: dopo trent’anni è finita la latitanza “dorata” di Matteo Messina Denaro, arrestato dai carabinieri del Ros mentre si recava alla clinica palermitana “La Maddalena”. Con l'arresto e la morte dell'ultimo esponente della mafia stragista cambiano ora gli assetti e le strategie di Cosa Nostra.

Davide Mannelli

La legge Rognoni-La Torre strumento necessario contro i tesori mafiosi

La legge Rognoni-La Torre (in ultima analisi, dopo molte modifiche e integrazioni, trasformata nel decreto legislativo 159/2011) è la legge 646 che entra in vigore il 13 settembre 1982 e introduce, per la prima volta, nel codice penale, il reato di associazione a delinquere di tipo mafioso nonché la previsione di misure patrimoniali applicabili all’accumulazione illecita di capitali e al loro utilizzo per finalità di carattere sociale.

Elio Collovà

Democrazia e inclusione come valori europei

Si è tenuto a Copenaghen l’ultimo incontro di disseminazione del progetto ‘Cooperation for Youth Integration’ per la promozione della cittadinanza attiva e dell’inclusione dei giovani con background migratorio. Il progetto è promosso dal Centro Pio La Torre, insieme con i partner Crossing Borders (Danimarca), Fundacio Ficat (Spagna) e Sfera International (Macedonia del Nord). L’iniziativa ha chiuso il ciclo di attività organizzate in ciascun paese partner per far conoscere i risultati del progetto finanziato dall’Agenzia Italiana per la Gioventù (programma Erasmus Plus).

Il progetto promosso dal Centro Pio La Torre | Alida Federico

Democrazia in sofferenza, l'Italia nel "mondo di mezzo"

La democrazia è un bene da conquistare e coltivare. Ma è dappertutto in crescente sofferenza. Lo certifica il “Global State of Democracy 2023 Report – The New Checks and Balances”. Il Rapporto certifica che i fondamenti della democrazia si starebbero indebolendo in tutto il mondo. Su 45 paesi europei, l'Italia solo ventitreesima.

Pino Scorciapino

Una democrazia compiuta la risposta ai venti della crisi e delle guerre

“La laurea honoris causa è il punto di riconoscimento dei tuoi meriti di un percorso di vita, ma è, senza dubbio, un nuovo inizio per altri traguardi”

Vito Lo Monaco

Beni confiscati, il sistema non cede al “cerchio magico”

Ho pensato molto in questi ultimi giorni. Ho pensato di immaginare quale poteva essere lo stato d’animo di Silvana SAGUTO e dei suoi familiari, tutti colpiti più o meno da condanne delle quali la comunità civile, fino ad oggi, ha atteso il responso finale

Elio Collovà

Il valore della cittadinanza attiva attraverso il gusto della condivisione

Un incontro di culture capace di comporre un mosaico di colori, profumi e sapori che portano lontano. Nella cornice del Parco Uditore si è tenuta la "Festa dell'integrazione e della cooperazione" con gli studenti dei licei scientifico e classico "Vittorio Emanuele" e artistico "Vincenzo Ragusa e Otama Kiyohara".

Gilda Sciortino

Il progetto educativo antimafia del Centro studi Pio La Torre

Ottanta le scuole che partecipano in collegamento da tutta Italia. “La mutazione delle mafie nel XXI secolo” il tema del primo incontro, alle ore 9 di giovedì 26 ottobre.

Gilda Sciortino

Franco Nicastro il nuovo direttore di "A Sud’Europa"

la testata giornalistica del Centro Studi e Iniziative Culturali “Pio La Torre”. Succede ad Angelo Meli, prematuramente scomparso lo scorso settembre

Gilda Sciortino

Scomparso nella notte Angelo Meli, direttore della testata "A Sud'Europa"

Immensa perdita umana e professionale. Scomparso nella notte Angelo Meli, direttore della testata "A Sud'Europa"


La Comunità di Sant’Egidio merita il Nobel per la Pace

Il Modello Sant’Egidio o il Protocollo Sant’Egidio. O, più profondamente, lo Spirito di Sant’Egidio portano sollievo nelle aree più martoriate nel mondo, stupisce che il comitato che assegna il riconoscimento non lo abbia notato

Pino Scorciapino

Scuole disagiate e insicure, crolli record e classi sovraffollate

Due istituti su tre hanno ancora barriere architettoniche: solo il 17% ha delle segnalazioni visive per gli studenti con sordità o ipoacusia e l’1,5% ha delle mappe a rilievo e dei percorsi tattili. Gli edifici costruiti prima del 1976 sono il 47%, su appena il 3% sono stati effettuati interventi di adeguamento e di miglioramento sismico

Melania Federico